facebook twitter rss

M&G Videx senza pari:
c’è l’ottava vittoria consecutiva

SERIE A3 - Netto 3-0 imposto in casa alla Gestioni & Soluzioni Sabaudia. La compagine di coach Massimiliano Ortenzi si consolida in testa alla classifica del girone blu e nel mentre acquisice la matematica qualificazione alla Coppa Italia stagionale
Print Friendly, PDF & Email

GROTTAZZOLINA – Il ritorno al palas è dei più dolci per la Videx. I ragazzi di coach Ortenzi si impongono 3-0 sulla Gestioni & Soluzioni Sabaudia (25-19; 25-19; 25-12).

Padroni di casa in campo con Marchiani-Giannotti, Snippe e Vecchi in banda, Arienti e Gaspari al centro con Romiti libero. Gli ospiti, che in settimana hanno visto gli addii di Kouznetsov e Sorrenti, rispondono con Schettino-Gradi, Bisci e Graziani laterali, Katalan e Garofoli centrali con Fortunato a governo della difesa.

IL TABELLINO

M&G VIDEX GROTTAZZOLINA 3: Minnoni ne, Romagnoli ne, Snippe 13, Vecchi 7, Capriotti (L2), Giannotti 17, Arienti 7, Di Bonaventura ne, Viciedo 1, Starace 3, Gaspari 6, Marchiani 2, Pulcini, Romiti (L1); All. Ortenzi

GESTIONI & SOLUZIONI SABAUDIA 0: Mastracci 5, Katalan 3, Bisci 1, Gradi 6, Pilotto 2, Graziani 11, Garofolo 5, Schettino, Fortunato (L1), Gallo; All. Passaro

ARBITRI: Salvati e Moratti

PARZIALI: 25-19 (25’); 25-19 (22’); 25-12 (19’)

LA CRONACA

Buona partenza Videx con Arienti (3-1). Graziani replica e trova il sorpasso (3-4). Giannotti suona la carica ma Garofolo mantiene avanti i suoi (8-10). Nonostante qualche imprecisione di troppo dai nove metri (4 errori) i grottesi balzano di nuovo in vantaggio con l’uno-due di Snippe e Arienti che costringe coach Garofolo al timeout sul 15-13. In fase centrale di set Vecchi e compagni trovano la quadra e danno la svolta al parziale con un break di sei punti consecutivi aperto da Giannotti e chiuso da Gaspari (22-15). Graziani annulla due setball consecutivi (24-19) prima della giocata decisiva di Giannotti che chiude sul 25-19.

Al rientro in campo Graziani colpisce in ace (4-4). Gradi trova il +2 prima del pari di Giannotti (9-9). In fase centrale Snippe apre e chiude una serie da quattro (13-10). Coach Passari prova a scuotere i suoi fermando il gioco ma la banda di Ortenzi allunga ancora con Snippe (17-11). Il doppio errore di Gradi costa il 21-14 prima dell’ace di Mastracci a chiudere una serie da tre che costringe Ortenzi al suo primo timeout. Gaspari e Giannotti trascinano i grottesi fino al 24-18. Ci pensa Snippe, dopo la sferzata di Graziani, a chiudere con lo stesso risultato del set precedente (25-19).

Il terzo parziale è pura formalità. Vecchi fa vibrare il colpo del 7-2. Pilotto e Gradi non bastano a un Sabaudia ormai scarico per tenere botta ed è ancora capitan Vecchi ad allungare sul 13-6 che costringe Passaro a fermare il gioco. Giannotti imita Snippe e Arienti mettendo a segno il punto del 16-7. Il parziale è orma in discesa e coach Ortenzi getta nella mischia Viciedo ed il giovanissimo Capriotti, esordio assoluto per loro in serie A, insieme a Pulcini e Starace. Proprio lo schiacciatore campano si rende protagonista in fase finale di gara, colpendo per ben due volte, prima del matchball conquistato da Viciedo (24-11). Graziani colpisce con l’orgoglio ma è ancora Starace a far esplodere il palas per l’ennesimo 3-0 che vale l’ottava vittoria consecutiva di questo campionato, nonché la qualificazione aritmetica alla Coppa Italia.

LE DICHIARAZIONI

Abbiamo interpretato la gara nel modo giusto – ha dichiarato coach Ortenzi -. Siamo partiti in maniera un po’ contratta ma con il passare dei minuti ci siamo sciolti ed abbiamo iniziato a fare ciò che sappiamo fare meglio. Non siamo riusciti ad incidere al servizio ma nelle fasi di muro e difesa ci siamo creati moltissime opportunità”.

Un bel regalo di compleanno per il coach grottese che alla vigilia del match aveva spento le sue trentanove candeline. Una soddisfazione altrettanto grande nel terzo set per chi, fino a questo momento, aveva avuto meno spazio in campo: “E’ stata una bella occasione per far esordire alcuni ragazzi che in allenamento ci stanno dando tanto – ha aggiunto Ortenzi -. E’ giusto che anche loro si prendano i propri meriti e approfittino di partite come questa”.

Un’occasione che Simone Starace ha preso al volo, andando a segno per la prima volta in carriera in serie A e mettendo a terra la palla che ha chiuso definitivamente il match: “E’ stata una grandissima emozione – ha dichiarato lo schiacciatore campano -. Sono contento perché tutto il lavoro che facciamo settimana dopo settimana alla fine viene ripagato con momenti come questi”.

E’ la prova lampante che ogni elemento della rosa può costruirsi una chance per recitare la sua parte: “Il coach ha il merito di concederci queste opportunità per spronarci a dare sempre di più in ogni allenamento e ci tengo a ringraziarlo per questo. E’ il modo migliore che abbiamo per dimostrare il nostro impegno e le nostre qualità”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X