facebook twitter rss

Dalla truffa dello specchietto
alle finte vendite di auto
e assicurazioni: in quattro nei guai

TRUFFE - I carabinieri a tutto campo nella lotta alle truffe. Si va da Porto Sant'Elpidio a Porto San Giorgio e Monte Urano. Dal finto danneggiamento dello specchietto alla finta vendita di un'auto via internet, passando per una falsa assicurazione anche la vendita farlocca di una stufa
Print Friendly, PDF & Email

Continua senza sosta l’attività a tutto campo dei carabinieri della compagnia di Fermo tesa a contrastare qualsiasi tipo di reato o illecito. E i militari dell’Arma centrano nuovi obiettivi. Questa volta, nel mirino delle divise, i truffatori. In quattro si beccano una denuncia.

Due persone, infatti, sono state denunciate dalla stazione dei carabinieri di Porto Sant’Elpidio, un italiano di origini campane e un rumeno, per la tristemente nota truffa dello specchietto. “I due, con la scusa di aver subìto il danneggiamento dello specchietto dell’auto da parte di ignari automobilisti – spiegano proprio dalla compagnia di Fermo – pretendevano da questi l’indennizzo dei danni, con la immediata somma risarcitoria di 150 euro per evitare di fare denuncia all’assicurazione al fine di non aumentare il premio assicurati. Le indagini dell’Arma di Porto Sant’Elpidio, mediante anche l’acquisizione di sistemi di videosorveglianza, hanno permesso di identificare gli autori del reato denunciandoli per il reato di truffa in concorso”.

Da Porto Sant’Elpidio a Porto San Giorgio e Monte Urano, ma si resta sempre in tema truffe:
“I carabinieri di Porto San Giorgio hanno denunciato un italiano, di origini laziali, il quale attraverso un sito internet  ha simulato la vendita della propria autovettura facendosi consegnare da un ignaro cittadino del luogo la somma di 1.500 euro, e facendo poi prendere le proprie tracce. L’uomo è stato identificato e denunciato per truffa.

A Monte Urano, invece, i militari della locale stazione hanno denunciato un cittadino del luogo il quale mediante artifizi e raggiri si è fatto consegnare la somma contante di 1.800 euro da due pensionati per la vendita di una stufa, e da un altro cittadino la somma contante di 200 euro per stipulare un contratto di assicurazione. Una volta avuto il denaro l’uomo si è dileguato. Identificato dai carabinieri monturanesi, è stato denunciato per truffa continuata”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X