facebook twitter rss

Faenza fa 90, il
Porto Sant’Elpidio cede
in riva all’Adriatico

SERIE B - La Rekico, con il risultato appunto di 90-67, porta via i punti dal palace portoelpidiense condannando all'ennesima caduta stagionale gli uomini di coach Marco Schiavi, sempre più relegati sul fondo della classifica
Print Friendly, PDF & Email

PORTO SANT’ELPIDIO – Un’ottima prova da parte del collettivo ospite ed i biancoazzurri della riviera cadono ancora.

Non sono bastati i soliti Bastone e Sirakov per arginare la furia della Rekico, giunta nel territorio di provincia per ritrovare la via del sorriso lontano da casa, proprio per come è stato al suono della sirena finale.

IL TABELLINO

PORTO SANT’ELPIDIO 67: Rosettani, Di Pietro, Balilli, Costa 4, Borsato 8, Malagoli 9, De Sousa, Lusvarghi 4, Sagripanti, Cappella, Bastone 23, Sirakov 17. All. Schiavi

REKICO FAENZA 90: Anumba 12, Rubbini 12, Oboe 6, Zampa 12, Calabrese, Tiberti 19, Bruni 5, Klyuchnyk ne, Sgobba 16, Petrini 3, Petrucci 5. All. Friso

ARBITRI: Guarino e Palazzo

PARZIALI: 13-21, 21-24, 15-19, 18-26

PROGRESSIVI: 13-21; 34-45; 39-64

LA CRONACA

Ospiti ad azzannare la sfida sul repentino 8-1, presto riacciuffati però dai padroni di casa anche se il primo quarto, nel suo sviluppo conclusivo, ha sorriso al Faenza, che ha chiuso con un perentorio 21-13. Nella seconda parte di match la forbice si è allargata grazie alle due triple di Rubbini ed alla bomba di Sgobba, che hanno traghettato il match sul tranquillo 45-34 dell’intervallo lungo.

Zampa saliva poi in cattedra per gli uomini di coach Friso, lesto a dare una concreta mano in ambo le fasi ad un collettivo che, nel terzo quarto, ha quindi accumulato senza mai disperderla la tranquilla distanza di sicurezza data dalla doppia cifra di vantaggio. L’antisportivo fischiato nell’ultima frazione di sfida a Borsato è stato in pratica l’inizio della fine per le speranze del Porto Sant’Elpidio, che di fatto, sul 73-51 frutto dei liberi messi nel cerchio da Tiberti, ha conosciuto, purtroppo, la nuova ed ennesima amarezza stagionale.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X