facebook twitter rss

La Premiata cade
ancora, a Montegranaro sorride
la Virtus Civitanova

SERIE B - La Rossella cambia passo in corso d'opera, ricacciando indietro i tentativi belligeranti di una Sutor che, per larghi tratti della gara, ha battagliato punto a punto con il corazzato avversario rivierasco. Matura dunque un nuovo stop interno, bisognerà tornare a vincere quanto prima per alimentare la classifica che recita 12
Print Friendly, PDF & Email

La palla a due di serata. Foto Nunzia Eleuteri

 

di Paolo Gaudenzi

MONTEGRANARO – Finisce con la rinnovata delusione interna.

La Sutor  non riesce a girare la pagina di sette giorni fa, quella della sconfitta patita contro la Tramec Cento e paga di nuovo pegno sul parquet domestico. La Premiata resta agganciata alla partita per lunghi tratti, con la spallata al match che arriva solo in coda al pomeriggio veregrense, quando la compagine di coach Marco Ciarpella, pur tentando il tutto per tutto, ha ceduto definitivamente alla fisicità ospite.

IL TABELLINO

SUTOR PREMIATA MONTEGRANARO 70: Lupetti 16, Ragusa 6, Villa 13,  Di Angilla 0, Jovovic 2, Ciarpella 4, Caverni  14, Polonara 6, Panzieri  9. All. Marco Ciarpella

VIRTUS ROSSELLA CIVITANOVA MARCHE 75: Alessandri 13, Pierini 17, Felicioni 10, Vallasciani 6, V. Amoroso 15, F. Amoroso 9, Rocchi 0, Trapani 5. All. Massimiliano Domizioli

ARBITRI: Giovanni Roca, Marcello Manco e Francesca De Grandis

PARZIALI:17-24, 17-11, 18-22, 18-18

PROGRESSIVI: 17-24, 34-35, 52-57, 75-70

LA CRONACA

Panzieri, Ciarpella, Lupetti (alla vigilia del confronto con 39 di febbre), Caverni e la novità Palmieri il quintetto di partenza calzaturiero, per una prima fase di match vissuta a secco di realizzazioni fino al canestro di Lupetti, replicato subito dopo da Panzieri. Vallasciani accorcia dalla lunetta (4-1 a 7’42” dalla prima sirenza) ma Caverni confeziona lesto il 6-1, limato dalla tripla di Felicioni. La Sutor c’è, Caverni macina gioco, sulla sponda opposta Civitanova inizia però a prendere le misure del cananestro gialloblù, fino al sorpasso firmato dall’ex dei tempi d’oro Amoroso (11-13 a 3’56” dal primo stop). La Virtus va sul velluto con l’appoggio di Vallasciani per l’11 a 18, il -5 arriva da Polonara al limite dei ventiquattro secondi, ed il primo quarto si chiude così sul 17-24.

Lupetti inaugura la ripresa delle ostilità sportive con la tripla che manda i suoi sul 20-24. La Virtus procede con il passo costante da squadra tonica e quadrata, ma Villa vola a tabella per il -6, elemento che funge da stimolo per Lupetti, ed è di nuovo bomba (25-28 a 6’12” dal riposo lungo). Coach Domizioli richiama tutti a ragionarci su, la sfida si infiamma sul piano del ritmo. Il meno uno è cosa fatta sull’asse PanzieriJovovic, Villa perfeziona il tutto sul 30-28 ma Amoroso c’è, di forza penetra sul pitturato di casa e mette il pari a quota 30. Sullo scemare di frazione si procede pertanto punto a punto, si va al riposo lungo sul 34-35 grazie ai due liberi insaccati da Panzieri.

Alessandri e Panzieri innescano le danze del terzo quarto, poi è Vallasciani a sganciare la bomba del 37-41, la Premiata resta in scia, come dichiarato anche alla vigilia da coach Marco Ciarpella c’è la necessità di tornare a muovere la classifica dopo prestazioni sì gagliarde, ma a secco di contributi utili a rimpolpare la graduatoria. Alessandri però contina a bucare la retina da tre con Polonara che lo emula subito, e si viaggia sul 41-44, ma Pierini non è da meno, si torna sul +6 Civitanova. Il tempo scorre con la partita a non avere una padrone netto, Amoroso infila la tripla del 52-55, la Rossella allunga poi fino al 57. Tetro presagio a trovare credito durante il quarto determinanate.

Si va quindi alla fase decisiva con i cinque punti di vantaggio civitanovesi, sui quali Alessandri continua a speculare dalla lunga. Poi Trapani becca anche il 52-63 allo scadere dei 24” secondi e sul +11 Ciarpella è costretto al time out. La Sutor che torna in campo manda con successo Lupetti al tentativo da tre, Ragusa battaglia a rimbalzo ma non trova il canestro. E’ dunque Francesco Amoroso a spedire a bersaglio la palla del 55-68, lentamente la Rossella mette quindi le mani sul confronto ma Caverni non molla, e ricuce a meno dieci. Dalla carità Lupetti firma il -8, con 3’31” dalla sirena. “Lupo” si ripete da due, e per le buone sorti veregrensi Civitanova si inceppa in fase realizzativa, ma è solo un’illusione per il caloroso pubblico della Bombonera, perché la Virtus  riprende la marcia fino al successo per 70-75.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X