facebook twitter rss

Paolo Calcinaro: ”Presto una sede della
Soprintendenza anche a Fermo e Macerata”

FERMO - Risultato scaturito dall’incontro di oggi, a Roma, presso il Mibact fra Lorenzo Casini, Capo di Gabinetto del ministro Dario Franceschini, il sindaco di Fermo ed il senatore Francesco Verducci. "Ad Ascoli la presenza del Sovrintendente, negli altri capoluoghi di provincia saranno operativi i funzionari di zona per rilasciare pareri e gestire le pratiche"
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Calcinaro

Una sede della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio anche a Fermo e Macerata.

E’ il risultato che è conseguito all’incontro di oggi a Roma al Mibact fra il prof. Lorenzo Casini, Capo di Gabinetto del Ministro Dario Franceschini, il Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro ed il Senatore Francesco Verducci.

“I cittadini di Fermo, i professionisti, gli Enti e i Comuni della Provincia potranno rapportarsi nelle pratiche relative alla Sovrintendenza in una sede a Fermo. Questo quanto ci è stato esplicitamente rassicurato dal Capo di Gabinetto del Ministro Franceschini, anche a seguito delle riflessioni portate avanti sia dal sottoscritto che dal senatore Francesco Verducci, con cui sono stato in contatto anche nelle scorse ore. Insieme al sen. Verducci oggi a Roma abbiamo incontrato il Capo di Gabinetto del Ministero”.

Queste le parole del Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro a margine dell’incontro. “E’ intendimento del Ministero – ha proseguito il primo cittadino fermano – portare avanti tre unità di Marche Sud, una per provincia, Ascoli con la sede istituzionale del Sovrintendente, Fermo e Macerata dove saranno presenti i funzionari di zona che, come sanno bene i professionisti, sono quelli che portano avanti pareri e pratiche. Il territorio avrà un forte vantaggio: rispetto alla scelta di accentrare tutto ad Ascoli c’è una correzione che possiamo dire è virtuosa. Gli uffici saranno costituiti una volta decretata ufficialmente la Sovrintendenza di Marche Sud: contiamo che il Ministero venga a breve a Fermo per iniziare a valutare la sede fra le varie possibilità che possiamo oggi offrire”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X