facebook twitter rss

Battistoni e Marcozzi (FI):
“Sei mesi per i nuovi guard-rail
in A14? Marche abbandonate”

AUTOSTRADA - Il commissario regionale FI: "Il tutto nel più totale abbandono da parte delle istituzioni e della politica". La capogruppo regionale FI: "Noi di Forza Italia faremo sentire la nostra voce mentre il Governo e la Regione tacciono"
Print Friendly, PDF & Email

“Sei mesi per installare i guardrail? Marche abbandonate dalla politica”. E’ il j’accuse del commissario regionale Fi, il senatore Francesco Battistoni in una nota stampa diffusa in mattinata.

“A14, ci risiamo. Ogni giorno che passa il calvario sembra allungarsi di mesi, anni. È notizia di poche ore fa che sull’autostrada A14, una di quelle con più restringimenti d’Italia, per installare i nuovi guardrail a norma, serviranno sei mesi. Sei lunghi mesi di ipotizzabili ridimensionamenti di carreggiata e rallentamenti del traffico sia in autostrada che nelle arterie secondarie. Per le Marche un vero dramma, che sembrava quasi passato dopo il burrascoso periodo natalizio. Ed invece, alle porte della primavera la notizia è che il Fermano, la zona dove dovranno essere installati i guardrail, potrebbe vivere un’estate infernale con pesanti condizionamenti alla viabilità che porterebbero come unica conseguenza un calo di presenze turistiche. Località di mare importanti e strategiche per l’intera regione come Porto Sant’Elpidio e Porto San Giorgio, potrebbero avere a che fare con un problema che le vedrebbe nettamente penalizzate. Il tutto nel più totale abbandono da parte delle istituzioni e della politica, con una Regione ferma e una burocrazia che annichilisce la velocità delle procedure nazionali”.

Sulla vicenda interviene anche la capogruppo regionale azzurra, Jessica Marcozzi: “Altri sei mesi per istallare i nuovi guard-rail lungo l’A14? Inaccettabile. Governo e Regione tacciono. Noi no. Altri sei mesi di calvario? Inaccettabile. Abbiamo appreso che per l’istallazione di nuovi guard-rail a norma di legge lungo l’asse autostradale dell’A14, dunque anche nel tratto ascolano-fermano, quello che da mesi è diventato il nodo della viabilità nazionale e internazionale, potrebbero servire ben sei mesi. Questo significherebbe che ci troveremmo ad affrontare anche l’estate con cantieri e lavori in corso. E lo scenario , in questo caso, sarebbe drammatico, con nuove code e ripercussioni anche sulle arterie secondarie come la Statale Adriatica e le sue perpendicolari. Se così fosse è facile prevedere ripercussioni anche sul turismo della costa. Ciò è assolutamente inaccettabile e noi di Forza Italia faremo sentire la nostra voce mentre il Governo e la Regione tacciono”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X