fbpx
facebook twitter rss

TRAGEDIA DI SERVIGLIANO
La madre della bimba deceduta
resta in carcere: “Sono innocente”
(Foto e Video)

SERVIGLIANO/FERMO - Si è svolta stamattina al tribunale di Fermo l’udienza di convalida dell’arresto per la donna, comparsa davanti al Gup Cesare Marziali ed assistita dagli avvocati Gianmarco Sabbioni ed Emanuele Senesi. In aula anche il papà della bimba e compagno della Mitkova, il 41enne Ali Krasniqi, assistito dall’avvocato Maria Cristina Ascenzo
Print Friendly, PDF & Email

L’arrivo in tribunale di Pavlina Mitkova

di Pierpaolo Pierleoni (foto Simone Corazza)

Resta in carcere Pavlina Mitkova, la 37enne di origine bulgara accusata di incendio doloso e di decesso come conseguenza di altro reato, ovvero della morte della figlia Jennifer Francesca nel tragico rogo avvenuto la notte dell’8 gennaio a Servigliano.

Si è svolta stamattina al tribunale di Fermo l’udienza di convalida dell’arresto per la donna, comparsa davanti al Gup Cesare Marziali ed assistita dagli avvocati Gianmarco Sabbioni ed Emanuele Senesi. In aula anche il papà della bimba e compagno della Mitkova, il 41enne Ali Krasniqi, assistito dall’avvocato Maria Cristina Ascenzo.

I capi d’imputazione per la donna sono, si diceva, incendio doloso e morte come causa di altro reato. Ma determinanti saranno a questo punto le risultanze dell’autopsia effettuata lo scorso 10 gennaio sul corpo della piccola Jennifer. La salma rimane tuttora all’obitorio di Fermo, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Qualora emergesse che la bimba era già morta quando è divampato il rogo al civico 138 della circonvallazione Clementina, l’accusa potrebbe trasformarsi in quella più atroce: omicidio volontario.

La 37enne non ha risposto alle domande del Gip, ma ha reso dichiarazioni spontanee per ribadire la propria innocenza. “La mia assistita si è dichiarata estranea a qualunque evento che abbia provocato l’incendio – commenta, all’uscita dal tribunale, l’avvocato Gianmarco Sabbioni – Non abbiamo gli esiti dell’autopsia, non è chiaro cosa abbia causato la morte, né l’ora del decesso. Il giudice, per la sicurezza di tutti, anche dell’indagata, ha ritenuto di mantenere le misure cautelari. La signora è visibilmente segnata da questo dolore. Ha respinto la ricostruzione dei fatti che le viene attribuita. Tutto deve essere ancora accertato. Da oggi ci potremo mettere fattivamente al lavoro per dare un contributo coscienzioso alla ricerca della verità ed alla difesa della nostra cliente. Ci sono elementi che possono portare a ritenere giustificata la strada della Procura della Repubblica ed altri che condurrebbero ad una soluzione opposta”. “Mancano accertamenti determinanti sull’orario della morte della bambina e sulla causa – aggiunge l’avvocato Emanuele Senesi – si tratta di elementi assolutamente essenziali per arrivare a conoscere la verità, senza i quali ogni ipotesi al momento è prematura”. La verità, insomma, sta nel corpo della sfortunata Jennifer. Il medico legale Alessia Romanelli ha preso 30 giorni di tempo per depositare il risultato dell’esame. Verosimile che fino ad allora la salma rimanga all’obitorio, perché potrebbero essere disposti ulteriori accertamenti.

I legali

Per ora, gli inquirenti ritengono sia stata la Mickova ad appiccare il fuoco quella notte. Mentre fiamme e fumo avvolgevano l’abitazione, la piccola Jennifer era nel suo letto. Mamma Pavlina e la seconda figlia, di 4 anni, sono invece riuscite a scappare in strada. Il padre si trovava fuori quella notte, era uscito con degli amici ed è rientrato quando è stato avvisato del dramma consumatosi in casa.

C’era anche lui, Ali Krasniqi, stamattina. Disorientato dalla tempesta che ha devastato la sua famiglia, è arrivato a palazzo di giustizia insieme al suo legale. Fumava nervosamente, una sigaretta dopo l’altra. Non ha voluto rilasciare dichiarazioni, rimandando ogni commento al suo avvocato. Da oltre una settimana non vede e non sente l’unica figlia rimasta, prelevata dalla scuola infanzia una mattina ed affidata ad una struttura protetta.

L’avvocato Ascenzo assiste il papà della piccola. “Il padre è molto provato, sia a livello affettivo che psicologico. Non riesce a darsi pace, non si spiega cosa sia accaduto. Lui chiede semplicemente chiarezza.  Qui c’è una tragedia nella tragedia: la morte della bambina a cui si aggiunge una famiglia distrutta. Vedremo se costituirci parte civile. Potremo stabilirlo solo quando avremo maggiore chiarezza sulle indagini. L’interesse primario in questo monento è fare la cosa migliore per la minore. La bimba ha perso la sorellina ed anche l’unità famigliare è venuta meno. Chiaramente, come ogni padre, il mio assistito spera di poterla riabbracciare preso”.

TRAGEDIA DI SERVIGLIANO In carcere la mamma della bimba deceduta, l’avvocato Sabbioni: “Ho visto una donna provata”

Appartamento in fiamme: muore una bambina, in salvo la mamma e la sorellina


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X