facebook twitter rss

Al Memorial ”Roberto Donzelli”
spiccano il volo gli atleti della Saf

ATLETICA - Cinque i portacolori del sodalizio fermano saliti agli onori delle cronache nel salto con l'asta, il tutto nel merito della competizioni svolte presso gli impianti di Fermo nel fine settimana scorso
Print Friendly, PDF & Email

 

FERMO – Sono ben 5 i primati personali firmati da atleti Saf nel fine settimana nelle due competizioni svolte in entrambi gli impianti di atletica del capoluogo.

Si parte dal palcoscenico di livello nazionale rappresentato dal Memorial “Roberto Donzelli” di salto con l’asta. Manifestazione giunta alla XIII edizione che ha visto anche la presenza della campionessa italiana di specialità Sonia Malavisi.

Domenica scorsa 26 gennaio al palaindoor a Fermo, tre dei saltatori Saf, Ludovica Polini, Matteo Masciangelo e Niccolò Ricci, hanno dato il meglio di loro raggiungendo quote mai toccate prima. Gara quasi perfetta quella della Polini, classe 2002, categoria Juniores, che ha superato 3 metri e 20, 3,35 e 3,60 al primo tentativo con un solo errore a 3,50. Prestazione che le è valsa, oltre al personale, anche il terzo gradino del podio proprio dietro alla campionessa italiana, categoria Senior, Sonia Malavisi (Fiamme Gialle) fermatasi a 4 metri e 10 centimetri. Vittoria della categoria femminile andata ad Alessandra Lazzari (Perugia) con la misura di 4 metri e 15.

Vola anche Matteo Masciangelo, Junior nato nel 2002, che si migliora di ben 30 centimetri. Dopo l’ingresso in gara a quota 4 metri e 05 superata al terzo salto, tre tentativi sono stati necessari per superare i 4 metri e 40 salvo poi volare subito sopra 4.50, tentando con ottimi salti anche la quota superiore. Misura che gli è valsa il secondo gradino del podio dietro ad Eugeniu Ceban. Al ragazzo dell’Atletica Orvieto, è bastato un unico salto a 4 e 60 per portarsi a casa la vittoria.

Grande la soddisfazione dei tecnici Saf del settore asta, Matteo Corrina, Giorgio Berdini e Barbara Donzelli, che quotidianamente lavorano accanto agli atleti nell’ottica del costante miglioramento. “Una prova che dimostra la crescita personale e mentale oltre che sportiva di Masciangelo che arriva alle quote dove ci aspettiamo di vederlo – afferma Corrina – mentre sia Polini che Vitali confermano i propri buoni stati di buona forma”.

Proprio l’altra atleta fermana in gara, Diletta Vitali, ha superato al primo tentativo i 3 metri, 3,20 arrivando a 3,35. Tra i più giovani della categoria Cadetti, Jasmine Iafrate ha ottenuto la misura di 1 metro e 90, Manuel Nunzi quella di 2 metri e 40. Il terzo primato personale lo fa registrare Niccolò Ricci, classe 2004 che ha scavalcato l’asticella posta a quota 3 metri e 55 al primo tentativo, migliorandosi di 15 centimetri.

Nutrita la partecipazione al Memorial “Roberto Donzelli” da parte dell’Atletica Studentesca Rieti che porta a casa tutto il podio della categoria Allieve con il terzetto Ippoliti, Angelucci e Fabri nelle premiazioni effettuate anche dal sindaco Paolo Calcinaro e dall’assessore allo Sport Alberto Scarfini. Questi ultimi confermano la vicinanza dell’Amministrazione comunale al comitato organizzatore del quale fanno parte atleti ed ex atleti Saf, ma soprattutto amici e familiari di Roberto Donzelli. Una pedana, quella fermana, che ha visto nelle varie edizioni del memorial grandi risultati, come il record italiano assoluto di specialità stabilito nel 2013 da Roberta Bruni dell’Atletica Studentesca Rieti. Un memorial che nel tempo si è evoluto attirando atleti di livello, capaci di rendere spettacolare la competizione, e giovani, artefici del ricambio generazionale all’interno della disciplina del salto con l’asta.

Ma domenica Fermo è stata meta anche dei migliori lanciatori delle Marche con i la prima fase del Campionato Invernale di Lanci. Entrambi gli atleti Saf impegnati in pedana hanno migliorato le loro misure. Il primo risultato di rilievo arriva dal lancio del martello dove Yousef Taib ha scagliato l’attrezzo a 42 metri e 81 al sesto lancio. L’altro lo firma Maxim Cognini nel lancio del disco con 31 metri e 21 centimetri al quarto lancio, per la soddisfazione del tecnico di specialità Roberto Recchioni.

 

Fotogallery


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X