facebook twitter rss

Le tardive pagelle del “febbricitante”
Pampa dopo Fermana-Piacenza

SERIE C - La classifica si accorcia, il mercato (assurda questa sua lunghezza) comincia ad incidere nelle squadre che sono corse ai ripari per sistemare la rosa. Noi, che amiamo la concretezza, non vediamo l'ora che finisca presto e si ritorni a pensare al calcio giocato
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – La Fermana torna a in carreggiata, azzera le velleità di un “macchinoso” Piacenza ma anche stavolta la vittoria resta un tabù; al Recchioni sembra aleggiare un maleficio!

Per la prossima in casa con il Sud Tirol, tutti con un pugno di sale in tasca e scacciamo definitivamente questo alone negativo.

Lunedi c’è il derby con la Samb, speriamo di recuperare gli “acciaccati” e che in “zona Cesarini” arrivi qualche colpo gradito ai tifosi e al Mister. Daje Fermà!

Ginestra 6 quando esce in presa alta in un area intasata di giocatori sembra l’Uomo di Gomma dei Fantastici 4, arriva lassù dove nessuno oserebbe. Anche oggi una giornata tranquilla eccetto quell’uscita finale che poteva costare cara ed invece … basterà una cena all’amico Ricciardi.

Manetta 6 ha una grinta ed una cattiveria che ne fanno un cerbero inviso a tutti gli attaccanti; Paponi cerca in tutti i modi di metterlo in difficoltà ma Marco ha cuore e attributi per non arrendersi mai. Una volta si fa anticipare di testa e su quella spizzata nasce il gol ospite. Buona gara comunque.

Comotto 6,5 non concede nulla agli avanti ospiti che hanno campionati di B alle spalle, Paponi, Sestu e Polidori la beccano raramente ed il Capitano è sempre ben piazzato a guidare il reparto.

Lancini 6,5 per necessità torna a fare il marcatore e non cambia di una virgola il suo gioco basato su una buona tecnica e una lettura immediata delle situazioni, Lancio ha dato davvero una grossa mano alla compattezza del reparto difensivo canarino e quando spinge ha piede educato per crossare.

Clemente 6 dopo cinque mesi di inattività gioca due partite in quattro giorni gettando in campo tutta la sua voglia di tornare ad essere protagonista in maglia canarina. Un po’ impreciso in partenza cresce col tempo e scarica la batteria con un paio di percussioni fatte di forza e generosità. Bentornato Pupillo!

Urbinati 7 la presenza di Isacco, giovane da sostenere, ne centuplica le forze ed Urbi gioca una gara straordinaria sotto tutti i punti di vista. Conquista un mare di palloni, parte in percussione e cerca di sostenere gli avanti occupando l’area avversaria. Grande partita e tanti applausi per il T-Rex canarino.

Isacco 6,5 finalmente in campo dall’inizio! Non sarà un fulmine di velocità ma distribuisce la palla con precisione e tempismo. Al fianco di Urbi cresce anche in fase di interdizione e dimostra, ritrovando i 90 minuti, di poter essere il vero regista della squadra. Esce stremato tra gli applausi sinceri dei supporter canarini. Bravo Simone.

Sperotto 6 non è lo Sperotto che dominava la fascia sinistra del campo ad inizio stagione ma neanche quello brutto ed irriconoscibile di novembre. Fa il suo con costanza e dedizione mettendo in campo forza ed esperienza. Si dice sia sul piede di partenza, scelta da ponderare bene.

Petrucci 6,5 sembra stia ritrovando la gamba e quell’”animus pugnandi” che sembrava sparito dal suo sguardo. Pedro deve giocare andando a fare la guerra contro gli avversari, solo così si esalta e diventa devastante. Oggi tanta corsa e tante iniziative per dimostrare di essere in crescita e lunedi c’è il derby!

Bacio Terracino 7 dopo l’ottima gara di Ravenna si conferma con un’ottima prestazione fatta di scatti e cambi di direzione; ritrova il gol dopo una vita e fa esplodere il Recchioni con una azione da attaccante con grandi qualità tecniche. Ora sembra stia bene fisicamente e finalmente può dimostrare il suo valore.

Cognigni 6 gioca a fare la guerra con i difensori emiliani e l’arbitro gli fischia tutto contro. Utilissimo in fase difensiva, non ha mai la palla giusta per far male a conferma del difficile ruolo di punta centrale in questa squadra.

Ricciardi 6,5 mezzo voto in più per quel recupero al tramonto della gara che ha fatto esplodere il Recchioni come per un gol fatto! Gioca 20 minuti con ordine e dedizione anche se vorremmo vederlo più intraprendente e più incisivo in fase di costruzione.

Maistrello 6 ormai stucchevole questa staffetta con Cognigni che sembra penalizzare entrambi gli atleti, entrare a 15 minuti dalla fine è sembrato riduttivo contro una difesa che fisicamente non sembrava all’altezza, la sua presenza al fianco di un altro attaccante poteva essere l’arma giusta per far male.

Iotti 6 non era in condizione e Antonioli lo rischia solo quando Clemente alza bandiera bianca. Cerca un paio di sgommate per dimostrare che è sempre lui il padrone della fascia ma gioca troppo poco per incidere.

Molinari 6 ma perchè non 10 minuti prima accanto a Maistrello? Perchè non dare un segnale di voler vincere la partita con due attaccanti veri? Il buon Hernan ci prova ed è l’unico a far paura a Mazzini.

Antonioli 6,5 senza cinque titolari resta fedele al suo credo e costruisce una squadra tatticamente esemplare, decisamente un buon segnale per tutti ma nella parte finale, quando le forze cominciavano a mancare (il Piacenza aveva giocato giovedì), un pizzico di coraggio in più lo avremmo voluto vedere Mister. Giocare gli ultimi 20/25 minuti con Maistrello e Molinari vicini ai loro difensori centrali li avremmo voluti proprio vedere!

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X