facebook twitter rss

Ecco la nuova guida turistica
“Consultabile anche da smartphone”
Ecomuseo pronto per l’estate

PORTO SAN GIORGIO - Conferenza stampa questa mattina per illustrare alcune inziiative nel campo turistico. Ecco la nuova guida presentata da Loira e Baldassarri. E poi il progetto dell'ecomuseo che verrà spiegato anche alla Bit di Milano.
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Parlano di turismo il sindaco Nicola Loira e l’assessore Elisabetta Baldassarri. Presentano la nuova guida, annunciata a luglio scorso, “tanto attesa” dice Loira. Lo fanno a distanza di qualche giorno dalle critiche che sono state rivolte all’Amministrazione di centrosinistra dalle opposizioni. Prima il Natale e poi l’ecomuseo,finiti al centro della polemiche. La guida, per cominciare, sarà anche digitale e presentata l’11 febbraio alla Bit. “A Milano presenteremo la nostra città, i servizi, le bellezze di Porto San Giorgio e il progetto dell’ecomuseo del mare -spiega ancora Loira in conferenza stampa- ovunque gli ecomusei, dove realizzati, hanno avuto un impatto enorme. Il nostro avrà al centro dell”offerta il micro-cinema sul fortunale per coltivare la memoria di un momento storico della nostra vita”. Il docu-film sta girando il mondo entrando in punta di piedi in festival importanti negli ultimi mesi. “Intorno a questo realizzeremo quel microcinema, che abbiamo già anticipato, a palazzo Trevisani” spiega ancora il sindaco “qualcosa di unico dove i visitatori vivranno questa tragedia”. E sarà tra le attività che la Regione Marche proporrà alla Bit riservando al Comune venti muniti per spiegare il progetto.

Capitolo critiche a cui il sindaco risponde. “Ci accusano di non avere programmazione e visione del futuro -dice- ebbene questo progetto va proprio in questa direzione. Una iniziativa che tiene insieme storia e tradizione marinara attraverso gli strumenti del futuro”. All’assessore Baldassarri il compito di illsutrare nel dettaglio l’iter delle due iniziative partendo dalla guida turistica. “Fruibile -dice l’assessore- l’elenco delle strutture ricettive sarà scaricabile in pdf e consultabile attraverso smartphone e tablet. Per ogni sezione sono state individuate le cose più importanti. Un lavoro che ci vede soddisfatti”. L’ultima guida risaliva agli inizi del 2000. “Tante foto accattivanti per una brochure che è stata stampata in tantissime copie”. E poi l’ecomuseo. “Si tratta di un progetto di sviluppo in progress che non si esaurirà in un tempo definito -aggiunge la Baldassarri- perché vogliamo valorizzare la tradizione marinara attraverso step precisi. Abbiamo costituto anche un gruppo di lavoro informale ad hoc. La Regione Marche ha stanziato un contributo riconoscendo la valenza del progetto”. L’obiettivo è la destagionalizzazione del turismo. Non a caso intorno all’ecomuseo ci sono associazioni, categorie, soggetti privati, antropologi. E si guarda anche ad altre fonti di finanziamento. Al momento a disposizione ci sono circa 35 mila euro. Di questi, dieci mila arrivano dalla Camera di Commercio. Quello dell’ecomueso sarà un lavoro lungo che prenderà le mosse da Palazzo Trevisani per passare attraverso il museo a Riva Fiorita e poi il porto. “Il luogo in cui è ormeggiata la lancetta Vittoriosa”. Nel mercoledì del turista verrà quindi inserito anche questo nuovo percorso. Questo vuol dire che l’ecomuseo sarà pronto per l’estate.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X