facebook twitter rss

”Capricci che passione!”, il nuovo
incontro formativo dell’istituto
comprensivo Ugo Betti

FERMO - Appuntamento, presso la sala Miti del museo Olivetti, fissato per giovedì 6 febbraio alle 17.30. Relazione a cura di Valentina Minnucci del locale Centro per l'Inclusione, per un evento inserito nel programma Bettinforma, incontri per scuole e famiglie, nella circostanza con focus sui minori da zero a sei anni
Print Friendly, PDF & Email

Siamo soliti definire “capricci” tutte le “trasgressioni” dei bambini alle regole e al vivere pacifico: pianti incomprensibili, impuntature, rifiuti immotivati di mangiare, di vestirsi, di salutare, di andare a letto e altri ancora. Ma è davvero così? Si chiedono dall’istituto fermano.

In realtà, come già evidenziato da Maria Montessori, dietro quelle che possiamo definire “scenate”, spesso si nasconde un malessere o, meglio, un bisogno insoddisfatto. La rabbia del bambino, il suo pianto, la sua oppositività non arrivano a caso e, proprio per questo, non è sempre facile comprendere nell’immediato cosa si nasconde dietro ad essi.

“Un primo passo, sicuramente, è iniziare a cambiare il nostro sguardo e considerare i capricci non solo comportamenti sgradevoli ed inadeguati ma, piuttosto, tentativi per quanto maldestri e poco efficaci di comunicazione”, precisa il dirigente scolastico Francesco Lucantoni.

Un secondo e decisivo passo è far riconoscere e far comprendere ai bambini i limiti che la realtà – e le relazioni con gli altri – impongono ai loro desideri, imparando così le prime piccole frustrazioni e il modo di affrontarle. Proprio per questo, i figli hanno necessità di sentire genitori attenti ai loro bisogni e che, non solo, li amano e li accudiscono, ma che sono anche capaci di “contenerli e di fermarli”. Senza limiti precisi, i bambini non riescono da soli a definire i confini di ciò che sono, di ciò che sia bene o adeguato, finendo per essere, poi, confusi e agitati.

Limiti e regole sostengono, dunque, la crescita affettiva del bambino, la sua capacità di affrontare la realtà e di avere relazioni con gli altri. Saper utilizzare i “no che aiutano a crescere” è una delle sfide più ardue dell’essere genitori. Un compito che però può essere gestito con maggiore sicurezza e serenità con i giusti strumenti che possono mettere a fuoco le difficoltà dell’educare e come esse possano essere superate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X