facebook twitter rss

Dalla clandestinità al rimpatrio:
tre ragazzi e due uomini
nel mirino della Polizia

FERMANO - Dalla questura: "Sono stati 'colpiti' da provvedimenti due giovani della Guinea ed uno della Nigeria con Decreto di espulsione del Prefetto e l’Ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale. Un russo denunciato per essersi trattenuto illegalmente in Italia, un albanese sottoposto a misura alternativa al trattenimento in un Cpr per il rientro nel Paese di origine"
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Ancora due giorni di intensi controlli svolti dalla Questura di Fermo, della Squadra Mobile, della Squadra Volante, della Polizia Scientifica, del Reparto Prevenzione Crimine di Pescara e con l’unità cinofila della Guardia di Finanza.
Le verifiche straordinarie degli equipaggi della Squadra Mobile e del Reparto Prevenzione Crimine, proseguono costantemente nella località di Lido Tre Archi e nel comune di Porto San Giorgio al fine di contrastare e tentare di prevenire reati predatori, lo spaccio di sostanze stupefacenti e lo stato di clandestinità degli stranieri spesso connesso alla perpetrazione di reati. Due giornate dedicate alla sicurezza dei cittadini con risultati operativi positivi, nella prevenzione e repressione delle illegalità.

Posti di controllo, controlli dinamici delle persone e dei veicoli, per un totale di circa 70 persone identificate e 30 veicoli, qualche contravvenzione per violazioni al Codice della strada e due esercizi pubblici controllati; ma ancora, controlli nei palazzi di Lido Tre Archi con obiettivo specifico la verifica degli appartamenti abbandonati ed ancora alla mercé di sbandati e soggetti dediti a traffici illeciti.
Probabilmente, ormai, anche i “normali” utilizzatori di quegli alloggi hanno compreso che non sono più luoghi sicuri per cui, pur essendo stati rilevati elementi che hanno attestato una continuità di presenze irregolari, non sono state rintracciate persone, probabilmente allontanatesi nelle prime ore del giorno.
Ancora, comunque, grande impegno per l’Ufficio Immigrazione. Nel corso dei controlli sono stati identificati alcuni cittadini stranieri, irregolari sul territorio nazionale i quali, accompagnati in Questura, dopo i necessari accertamenti svolti dal personale di quell’Ufficio e di carattere giudiziario ed amministrativo, sono stati ‘colpiti’ da provvedimenti amministrativi/giudiziari e nello specifico, due giovani della Guinea ed uno della Nigeria con decreto di espulsione del Prefetto di Fermo e l’Ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale, un altro ragazzo russo, denunciato per essersi trattenuto illegalmente in Italia, un uomo albanese sottoposto ad una misura alternativa al trattenimento presso un Centro di Permanenza per il Rimpatrio, finalizzata al suo rientro nel Paese di origine.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X