fbpx
facebook twitter rss

Qualificazione dei datacenter
regionali Tiziano e Sanzio
a Poli Strategici nazionali

REGIONE - “E’ il livello più alto previsto” annuncia con soddisfazione l’assessore all’Informatica e reti Ict, Fabrizio Cesetti
Print Friendly, PDF & Email

Il datacenter Tiziano

“Il datacenter della Regione Marche, costituito dalle server farm di Tiziano e Sanzio, è stato riconosciuto candidabile a Polo Strategico nazionale dal censimento del Patrimonio Ict delle pubblica amministrazione dell’Agenzia per l’Italia Digitale”, è l’annuncio della Regione che fa esultare l’assessore regionale all’Informatica, Fabrizio Cesetti: “E’ il livello più alto previsto”.

“Le due infrastrutture regionali, tra di loro in business continuity – spiegano dalla Regione – hanno partecipato al censimento dell’AgId e tecnologicamente sono state riconosciute aderenti ai requisiti previsti per i Poli Strategici Nazionali. Delle due la server farm Tiziano, collocata presso palazzo Leopardi, che eroga numerosi servizi in qualità di Polo Strategico Regionale verrà utilizzata per ospitare anche le soluzioni digitali degli enti locali del territorio nell’ambito del progetto di razionalizzazione Elaastic. Sanzio è già utilizzato prevalentemente per erogare servizi in ambito sanitario.

La finalità principale del censimento è raccogliere dati significativi sul patrimonio infrastrutturale, applicativo, organizzativo, economico dell’It pubblico. Tra i dati raccolti, quelli relativi alle infrastrutture sono stati utilizzati per classificare i datacenter pubblici in 3 categorie definite Infrastrutture candidabili all’utilizzo da parte di un Polo Strategico Nazionale (Psn); Gruppo A, se l’infrastruttura non rientra tra quelle utilizzabili dal Psn, ma soddisfa in ogni caso tutti i requisiti specifici per il Gruppo A, e dunque può essere mantenuta in funzione per un ulteriore periodo pluriennale; Gruppo B, se non soddisfa i requisiti di cui alle categorie precedenti (o nel caso di mancata partecipazione alla rilevazione) e dunque va dismessa nel breve periodo.

Nel periodo luglio-settembre 2019, AgId ha comunicato alle pubbliche amministrazioni che hanno partecipato al Censimento la classificazione preliminare delle infrastrutture censite, consentendo anche di integrare i dati già inseriti e ha invitato le pubbliche amministrazioni che non si erano mai censite ad inserire i propri dati.

Al termine di questo percorso, AgId ha elaborato i dati ricevuti dal Censimento e predisposto la classificazione definitiva delle infrastrutture censite. Ora si apre la fase di selezione tra le strutture candidate a polo strategico nazionale tra cui compare anche Regione Marche”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X