fbpx
Jessica Marcozzi Spazio pubblicitario elettorale
facebook twitter rss

Covid-19, per l’infettivologo Tavio
la parola d’ordine è normalità
“Stop allarmismi o Paese si blocca”

ANCONA - Le considerazioni del direttore Sod Malattie infettive Ospedali Riuniti e presidente della Simit (Società italiana malattie infettive e tropicali)
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

“Non esiste alcuna possibilità che una pregressa vaccinazione ci possa proteggere. Questo Coronavirus è nuovo per il nostro sistema immunitario, è qualcosa che non abbiamo incontrato prima e servirà un nuovo vaccino”. A smontare una delle tante fake news che più stanno circolando in queste giornate di forte allarme per la propagazione del virus, è l’infettivologo Marcello Tavio, direttore Sod Malattie infettive Ospedali Riuniti di Ancona e presidente della Simit (Società italiana malattie infettive e tropicali).

Dobbiamo aiutare le persone a distinguere bene tra allarme e allarmismo, potrebbe venirci utile molto presto nelle Marche – ha affermato in occasione di un incontro tenutosi proprio nella sede degli Ospedali Riuniti -. Se non siamo capaci di concentrare l’allarme lì dove serve, l’allarmismo genererà ansia e paura, consumerà risorse, economiche ed emotive, bloccherà il Paese e le relazioni in maniera del tutto ingiustificata”.

Alle istituzioni, ha sottolineato, va chiesto di precisare quali sono le zone di allarme, mentre tutto il resto il Paese deve vivere normalmente. “La parola chiave è normalizzazione del Covid-19. Abbiamo normalizzato ben di peggio, facciamolo anche oggi”.

Sul perché gli esperti si dividano sui dati, Tavio ha ribadito come sia fondamentale distinguere il numero dalle interpretazioni. “Se il tasso di letalità del nuovo Coronavirus è il 2%, resta il 2% per la professoressa del Sacco come per il professor Burioni. E occorre anche informarsi sulla differenza tra tasso letalità e mortalità. Lo specialista deve commentare con i giornalisti i numeri e non ci si può dividere su questo. Serve un’estrema correttezza reciproca e non restare appesi all’affermazione roboante dell’esperto di turno”.

C’è anche la necessità di dare risposte sistemiche anche in deroga al Titolo V. “Tutti hanno parlato della costruzione di un ospedale in Cina in 10 giorni, ma noi siamo l’unico Paese al mondo che ha reparti di malattie infettive, eredi di una tradizione infettivologica. Abbiamo circa 3.000 posti letto per far fronte all’emergenza, ma abbiamo sicuramente bisogno di più coordinamento. Noi ci facciamo garanti della trasformazione di questi reparti con una logica di rete per affrontare un’emergenza, che è già arrivata”.

Tavio, inoltre, ha definito la situazione in Lombardia catastrofica, con un gestione iniziale a dir poco incendiaria. “Oggi invece si va con i bicchierini d’acqua a spegnere l’incendio. Serviva più equilibrio all’inizio, adesso però bisogna correre”.

Io mi comporto in maniera assolutamente normale – ha voluto precisare – vivo e lavoro nelle Marche, giro le Marche e ho piena fiducia nelle istituzioni. In questo momento la parola d’ordine è normalità”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X