facebook twitter rss

Festa della donna e pari opportunità Ferracuti: “Mese ‘sospeso’ per programmare con più forza il rilancio delle diverse attività”

PORTO SANT'ELPIDIO -   "Non perdiamoci nelle mimose, nei pensieri e negli auguri di un singolo giorno. Siamo molto di più per essere apprezzate e commemorate in un momento di ricordo"
Print Friendly, PDF & Email

Le misure di contenimento adottate il 3 marzo con un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte per provare ad arginare il Coronavirus hanno ripercussioni anche sugli eventi culturali dell’intero territorio nazionale.  “Non è un momento facile per il nostro Paese e, quindi, per la nostra comunità civica” dice l’Assessore alle Pari Opportunità Emanuela Ferracuti – “È richiesto uno sforzo personale e collettivo molto grande. Molti erano gli eventi programmati nel mese di Marzo dall’Assessorato e della Commissione Pari Opportunità del nostro comune, mese per eccellenza celebrativo della figura della Donna, tuttavia, per quanto riguarda le politiche per le pari opportunità ed a favore delle parità di genere , approfitteremo di questo mese ‘sospeso’ per programmare con più forza il rilancio delle diverse attività, a beneficio delle cittadine e dei cittadini, messi a dura prova da questa situazione”

Questo il messaggio dell’ Assessore alle Pari Opportunità Emanuela Ferracuti che in occasione della giornata dell’8 marzo spiega: “La Giornata della Donna nasce per ricordare il lungo e faticoso cammino delle donne verso la parità: un percorso duro, fatto di lotte e conquiste sociali importanti, ma anche di sofferenza, discriminazione, ingiustizia, soprusi. È compito di ognuno di noi dare valore a questo giorno perché diventi un momento deputato alla memoria di tutte quelle donne oggetto di violenza fisica e morale, vittime di femminicidio, un gesto la cui mostruosità nessun movente potrà mai giustificare. L’8 Marzo è anche la giornata del ricordo di tutte quelle figure femminili, che negli anni hanno combattuto per l’affermazione di diritti fondamentali ed alienabili: il diritto al lavoro, alla salute, alla propria libertà individuale.  Non perdiamoci nelle mimose, nei pensieri e negli auguri di un singolo giorno. Siamo molto di più per essere apprezzate e commemorate in un momento di ricordo. Perché al di là di un giorno, ci troviamo quotidianamente ancora, dopo anni, lotte e continui femminicidi a combattere. Sempre a testa alta, sempre con il sorriso. Ecco perché l’augurio in occasione di questa festa è che venga scovata e sconfitta questa visione maschilista della società, che la si combatta in maniera adeguata in modo da reprimere il terrificante e dilagante  fenomeno del femminicidio, in cui la donna è solo un oggetto di proprietà e che vede coinvolte ancora tante, tantissime donne, in Italia. Una violenza che prima ancora che fisica spesso è morale o, addirittura, implicita negli atteggiamenti o negli atti di superiorità maschilisti che connotano la società italiana.   Attorno a noi solo donne che lottano. Lottano per cambiare le cose. Soddisfatte per i loro traguardi ma stanchissime, fiere e orgogliose di quanto ottenuto ma desiderose di aiuto e di comprensione, speranzose per il loro domani ma preoccupate per il futuro dei loro figli in un’Italia che spesso si dimentica della sua cellula base: la famiglia. Un ringraziamento sentito voglio rivolgerlo alle donne che contribuiscono a rendere viva questa Amministrazione, alle dirigenti e alle dipendenti comunali. Alla Presidente della Commisione Pari Opportunità cittadina ed a tutte le Commissarie, alle Assessore ed a tutte le Consigliere Comunali e più in generale grazie a tutte le donne attive nelle istituzioni locali che lavorano anche per migliorare le condizioni e l’emancipazione femminile nella società. E poi un grazie a tutte le donne della nostra comunità, siano esse lavoratrici, mamme, casalinghe, professioniste, educatrici, sempre in corsa contro il tempo, sempre attente a non venire meno alle responsabilità quotidiane. Non è facile conciliare gli impegni lavorativi e familiari eppure, chi in un modo chi in un altro, ce la fate sempre. Siete un pilastro fondamentale per la crescita di questa nostro paese”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X