fbpx
facebook twitter rss

“Buon senso e responsabilità”
l’appello dei Giovani
Democratici ai loro coetanei

FERMO - "Ci rivolgiamo soprattutto di più ai giovani che, troppo spesso e per futili motivi, vediamo fuori in gruppo. Si esce soltanto per l'essenziale: lavoro, spesa, salute".
Print Friendly, PDF & Email
“È un momento difficile e delicato, ragione per cui serve responsabilità per il bene della collettività. Come Giovani Democratici del Fermano ci uniamo agli appelli invitando tutti a rimanere in casa”. Inizia così l’appello dei Giovani Democratici della federazione di Fermo, a partire dal messaggio che rivolgono ai loro coetanei.
“Ci rivolgiamo ancor di più ai giovani che, troppo spesso e per futili motivi, vediamo fuori in gruppo. Si esce soltanto per l’essenziale: lavoro, spesa, salute. Le comunità del nostro territorio crediamo stiano dando una prova di impegno e solidarietà, per questo ringraziamo tutti i sindaci e gli amministratori chiamati a gestire l’emergenza, le associazioni e, ovviamente, coloro che lavorano in ambito sanitario e che stanno affrontando prove durissime. Ragioni che richiamano il buon senso e ad assumere un atteggiamento esclusivamente istituzionale. L’Italia ha bisogno anche di calma e razionalità, per questo restiamo basiti quando, per lo più al nazionale, ascoltiamo chi ancora preferisce gettare benzina sul fuoco anziché collaborare tralasciando questioni politiche: non serve a nulla alzare l’asticella per poter mettere la bandierina sul decreto che il Governo approverà per dar man forte al sistema paese; non serve parlare di elezioni maggio; non serve diffondere i luoghi comuni e notizie non veritiere allarmando ancor di più la cittadinanza. Infatti, contrariamente a quanto si legge sui social, oltre al Governo, anche l’Ue si appresta ad intervenire concretamente. Lontani dalla dichiarazione della presidente Bce Lagarde, siamo sicuramente più vicini all’intervento del presidente Mattarella e fiduciosi del lavoro della Commissione Europea, impegnata ad una proposta per l’Italia: la creazione di un fondo per sostenere le imprese e flessibilità sul deficit.
Sostegno al sistema sanitario, alle Pmi, al mercato del lavoro e delle parti più vulnerabili colpite dal Coronavirus, con risorse per favorire la liquidità. Al fine di destinare in tempi rapidi i 25 miliardi la Commissione proporrà di rinunciare quest’anno all’obbligo di chiedere il rimborso dei prefinanziamenti a titolo dei fondi strutturali e di investimento europei che non sono stati spesi e che sono detenuti dagli Stati membri. Sulla flessibilità è il Commissario all’economia Paolo Gentiloni ad aprire alla richiesta di aumento del deficit che potrebbe essere portato al 2,7% o qualcosa in più. I momenti che stiamo vivendo dimostrano, proprio in mancanza di un maggiore coordinamento comune, quanto ci sia bisogno di più Europa, un’Europa politica e che superi i tanti egoismi. Se il sovranismo conduce a dichiarazioni come quella di Boris Johnson, noi preferiamo continuare a credere nelle istituzioni, alla loro vicinanza e al sogno di Spinelli. Con l’aiuto di tutti l’Italia ce la farà!”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X