fbpx
facebook twitter rss

Controlli e denunce da Covid19:
sorpresi in strada dai carabinieri,
nei guai sette ragazzi e una coppia

COSTA - Denunciati sette ragazzi a Porto San Giorgio: sorpresi dai carabinieri del Radiomobile. Nel pomeriggio stessa sorte per una coppia a Lido Tre Archi trovata in strada senza motivo dai militari dell'Arma della stazione di Porto San Giorgio
Print Friendly, PDF & Email

Da sin. il comandante della compagnia dell’Arma di Fermo, Peluso, e quello del Norm, Dell’Avvocato

di redazione CF

C’è ancora chi non vuole capire, o fa ‘orecchie da mercante’ dinanzi all’emergenza sanitaria, noncurante del rischio che si corre soprattutto nello stare in gruppo. Il contagio da Coronavirus, un ‘male’ che sta mietendo vittime e che solo ieri nelle Marche ha fatto registrare 126 nuovi tamponi positivi e un decesso di una 90enne di Fermo, all’ospedale Murri, va bloccato ad ogni costo. E passo imprescindibile per riuscire nell’impresa è starsene a casa, evitando di uscire e, soprattutto, assembramenti.

E invece qualche giovane non vuole ancora capirlo. Così, inevitabile, arriva la denuncia. Ieri notte, infatti, i carabinieri del Radiomobile di Fermo hanno sorpreso sette ragazzi ‘assembrati’ su una panchina in viale dei Pini, a Porto San Giorgio. Inutile aver accampato scuse e giustificazioni: per tutti loro è scattata la denuncia in base all’articolo 650 del codice penale, ossia per l’inosservanza del provvedimento legalmente dato dall’autorità, in questo caso del decreto del Presidente del Consiglio che l’11 marzo scorso ha vietato qualsiasi assembramento in strada.

In altre parole, è sempre bene ricordarlo, si può uscire solo per ‘comprovate esigenze di lavoro, situazioni di necessità o motivi di salute”. Nulla di tutto questo, alle 22,45 su una panchina, con l’aggravante di starsene addirittura a pochi centimetri l’uno dall’altro. Ora quei ragazzi, con la denuncia penale rischiano grosso.

E stesso dicasi per una coppia sorpresa a passeggiare, sempre dai carabinieri, in questo caso della stazione di Porto San Giorgio, ieri pomeriggio a Lido Tre Archi. Nessuna giustificazione attendibile. E così anche per loro è scattata la denuncia. Insomma i controlli ci sono. E dopo le prime ore ‘concesse’ per somatizzare e fare propria la norma, ora si passa direttamente alle denunce. La legge non ammette ignoranza e in questo caso la superficialità si paga a caro prezzo.

 

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X