facebook twitter rss

Coronavirus, nel Fermano crescono
ancora ‘positivi’ e isolamenti domiciliari

VIRUS - Intanto la Regione ha riaperto la possibilità di formalizzare le disponibilità, da parte di strutture private, di accogliere casi Covid19. iIl rapporto tra gli ultimi casi accertati, 137 dunque, e i test totali della giornata di ieri è pari al 23 per cento. I numeri totali, dall'inizio del contagio, invece, hanno una percentuale tra positivi e esami totali pari al 32 per cento
Print Friendly, PDF & Email

Sono 137 i nuovi tamponi positivi riscontrati nelle ultime ore nelle Marche dal Gores, su un totale di 572 analizzati. Con i nuovi casi di Coronavirus, i contagi nella nostra regione, stando all’aggiornamento del gruppo operativo regionale di emergenza sanitaria ammontano a 3962 su un totale di 12.296 esami effettuati.

Il rapporto tra gli ultimi casi accertati, 137 dunque, e i test totali della giornata di ieri è pari al 23 per cento. I numeri totali, dall’inizio del contagio, invece, hanno una percentuale tra positivi e esami totali pari al 32 per cento. Ad oggi i decessi nelle Marche sono 477. Attualmente nella nostra regione sono ricoverate per Covid19 1152 persone. Sono 210 i dimessi e 29 quelli definitivamente guariti.

Intanto, dai dati forniti sempre dal Gores nell’aggiornamento delle 12, i casi positivi nel Fermano, dai 259 di ieri passano a 263. Crescono anche le persone in isolamento domiciliare (dai 662 di ieri ai 699 di oggi). Restano fermi a 14 invece, fortunatamente, i ricoverati in Rianimazione. 

Nel frattempo, considerate le segnalazioni pervenute dalla sanità privata Aiop (ad esempio Villa Montefeltro, Villa Igea e Villa Dei Pini), finalizzate a offrire ulteriori servizi a supporto della gestione dell’emergenza Coronavirus, ieri mattina la Regione Marche ha riaperto la possibilità di formalizzare le disponibilità. “Ciò, al fine di aumentare – spiegano proprio dalla Regione – la risposta sanitaria anche da parte del privato, introducendo nella programmazione dei posti letto anche le nuove offerte che non erano state precedentemente avanzate dagli stessi operatori privati”.

(aggiornamento delle ore 13,39)

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti