fbpx
facebook twitter rss

La perseguita e il divieto
di avvicinamento non lo ferma,
la Polizia lo blocca di nuovo:
in auto ha anche un punteruolo

FERMANO - Dalla questura: "Gli agenti in servizio per il controllo del rispetto delle disposizioni sul Covid hanno notato la sua presenza a poche decine di metri da uno dei luoghi ai quali non poteva avvicinarsi"
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

“Non ne poteva davvero più di vedere quell’uomo, ogni giorno, sotto la sua abitazione o nei pressi dell’attività commerciale presso la quale lavora. Non ce la faceva più a sopportare quell’individuo che la seguiva, a distanza, in auto nei suoi tragitti da casa al lavoro e nei suoi spostamenti. Si sentiva in difficoltà nel vederlo entrare nel negozio e restare qualche minuto con scuse futili, per poi uscirne stazionando per ore nei pressi ma bene in vista, senza fare nulla. Era ormai terrorizzata dalle continue telefonate di quella persona che arrivavano in negozio e sul suo cellulare, certa di non avergli dato il suo numero. Era stata costretta a farsi accompagnare al lavoro dal figlio più grande, cambiando spesso strada ma controllando se fossero seguiti da quell’auto che ormai temeva di vedere in ogni momento, perdendo la sua tranquillità ed il sonno”. Inizia così la ricostruzione della Polizia della questura di Fermo che, con la Squadra Mobile, ha messo la parola fine alle angosce di una donna e anche dei suoi familiari. Tutto a causa di un persecutore che ora è stato denunciato in stato di libertà per l’inosservanza del provvedimento cautelare del divieto di avvicinamento e per il porto di oggetti atti ad offendere
Ma nei primi tempi, sperando che quell’uomo capisse che doveva smetterla, non aveva presentato querela, anzi aveva tentato di parlargli, ma quell’individuo le aveva risposto in malo modo, anche offendendola.
Anche il marito ed il figlio avevano tentato di dissuaderlo, affrontandolo nei pressi dell’abitazione, ma lo stalker aveva risposto loro con superficialità, addirittura offendendoli, senza che i familiari reagissero per non aggravare la situazione. Giunta alla convinzione che niente e nessuno potessero farlo desistere, la donna ha presentato la querela, trattata dall’autorità giudiziaria fermana la quale, avvalendosi della Squadra Mobile della Questura, ha acquisito ogni utile elemento investigativo per incastrare quel soggetto alle sue responsabilità, con filmati ripresi dalla donna e dai suoi familiari e con le testimonianze di persone che avevano assistito alle molteplici fasi delle vessazioni.


L’uomo, un fermano di circa 50 anni, è stato indagato per il reato di atti persecutori, e subito sottoposto dall’autorità giudiziaria alla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla donna, ai suoi familiari, alla loro abitazione ed all’attività lavorativa della vittima, oltre al divieto di comunicare, in qualsiasi modo, con la donna ed i suoi congiunti.
La misura è stata notificata al diretto interessato pochi giorni fa, ma l’uomo non ha compreso la gravità delle proprie azioni e questa mattina è stato ritrovato dalla Polizia di Stato nei pressi dell’attività commerciale della sua vittima. Infatti, gli agenti della Questura in servizio per il controllo del rispetto delle disposizioni per il contenimento epidemiologico, a conoscenza del provvedimento cautelare al quale il soggetto è sottoposto, hanno notato la sua presenza a poche decine di metri da uno dei luoghi ai quali non poteva avvicinarsi e, dopo aver fermato l’auto sulla quale viaggiava, hanno proceduto alla perquisizione dell’uomo e del veicolo, al termine della quale hanno sequestrato un punteruolo con manico in legno per calzolai, un bastone in legno di lunghezza superiore ad un metro e due paia di forbici, oltre a documenti ricollegabili  alle attività persecutorie attuate in precedenza. L’uomo è stato così denunciato in stato di libertà per l’inosservanza del provvedimento cautelare del divieto di avvicinamento e per il porto di oggetti atti ad offendere”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X