fbpx
facebook twitter rss

La polizia fa irruzione
nell’appartamento occupato:
sorpresi padre e figlio ‘abusivi’

LIDO TRE ARCHI - Ennesima operazione della polizia della questura di Fermo per debellare il fenomeno dell'occupazione abusiva di appartamenti, soprattutto a Lido Tre Archi. Padre e figlio denunciati e allontanati
Print Friendly, PDF & Email

L’occupazione abusiva, una delle piaghe che affliggono il rione costiero fermano di Lido Tre Archi. Ma la polizia ha dichiarato guerra a ogni crimine e reato con epicentro proprio la costa fermana, incluso anche quello dell’occupazione di appartamenti e casolari, anche solo temporaneamente disabitati. E ieri l’ennesimo blitz costato caro a padre e figlio, entrambi denunciati.

“Proseguono, da parte della Squadra Mobile della Questura, le attività di controllo sull’occupazione abusiva di appartamenti nella località di Lido Tre Archi. Anche nella giornata di ieri – spiegano, infatti, dalla questura – si è proceduto al monitoraggio degli appartamenti già oggetto delle precedenti verifiche.
Alcuni alloggi sono stati messi in sicurezza, mentre altri, i cui proprietari non sono rintracciabili malgrado i tentativi degli amministratori condominiali, risultano ancora alla mercé di soggetti dediti a traffici illeciti.
In particolare, in via Tobagi, sulla porta di uno di questi la Polizia di Stato ha riscontrato evidenti segni di forzatura”. A quel punto è scattata l’irruzione: “Sono stati trovati due occupanti abusivi, padre e figlio di circa 60 e 40 anni, cittadini italiani anagraficamente residenti in un Comune dell’entroterra fermano e già noti alle forze dell’ordine. La presenza di numerosi oggetti di proprietà degli occupanti fa ritenere che l’invasione dell’appartamento risalga ad alcuni giorni fa. I due abusivi sono stati allontanati dall’alloggio con  quanto di loro proprietà. Dopo che la Polizia ha avvisato il proprietario dell’abitazione, residente nel nord Italia, questi ha immediatamente presentato querela per l’invasione della sua proprietà e pertanto i due soggetti rintracciati sono stati denunciati all’autorità giudiziaria. L’appartamento è stato subito messo in sicurezza dall’amministratore del condominio”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X