facebook twitter rss

Ladri in Collegiata: spariscono spiccioli,
messale, lezionario e pacchi di carta

SANT'ELPIDIO A MARE - A scoprire il furto il parroco don Enzo:"Sarà stata opera di qualche disperato, non sono libri di valore economico"
Print Friendly, PDF & Email

Nemmeno le chiese sono al riparo dai ladri. Un furto davvero singolare, quello capitato alla perinsigne Collegiata di Sant’Elpidio a Mare nei giorni scorsi, quando sono misteriosamente spariti libri sacri e una modestissima somma di denaro, frutto delle offerte. L’episodio dovrebbe risalire al pomeriggio di domenica scorsa. Qualcuno, che quasi certamernte ha agito da solo, si è introdotto nel luogo di culto di piazza Matteotti.

Un bottino davvero anomalo, quello raccolto in chiesa. L’ignoto ha prelevato infatti un messale ed un lezionario, testi abitualmente utilizzati dai sacerdoti per le letture e le liturgie. Non contento, ha portato via anche un pazzo contenente tre risme di carta, che erano stati utilizzati per alzare il cavalletto con cui viene effettuata la ripresa delle messe in streaming su Facebook. Uscendo, il ladro ha portato via anche alcune monete delle offerte che si trovavano nei pressi dell’inginocchiatoio.

A fare la scoperta il parroco di Sant’Elpidio abate, don Enzo Nicolini. “Avevo celebrato la messa di domenica mattina, come sempre con la diretta Facebook, come facciamo dall’inizio dell’emergenza coronavirus – racconta il sacerdote – C’erano rimaste alcune cose da mettere a posto, il messale era rimasto sopra l’altare. Qualche ora dopo, quando sono tornato in chiesa, non l’ho più trovato, ma inizialmente pensavo lo avesse sistemato qualche parrocchiano che mi aiuta in questi giorni nella celebrazione delle liturgie. Poi ho notato che anche il drappo sul leggio era posizionato in modo strano. Così sono andato a controllare. Oltre al messale mancava il lezionario, hanno portato via persino tre risme di carta che si trovavano sotto il cavalletto e gli spiccioli delle offerte”.

Una sorpresa davvero inattesa per il religioso, che però non si perde d’animo. “Certo è stato un dispiacere – commenta don Enzo – Si sarà trattato di qualche disperato, mi chiedo cosa ne faccia di quei libri, non hanno valore economico. Era capitato qualcosa di simile anche in passato, più di un anno fa qualcuno aveva rubato una bibbia con la copertina in argento. Non perdiamo comunque lo spirito, proprio stamattina con la Caritas abbiamo effettuato una consegna extra di beni alimentari ai bisognosi”.

P.Pier.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti