facebook twitter rss

M&G Videx, il direttore Romiti
tra presente e futuro da Covid 19

VOLLEY - Dalla decisione federale di sospensione dei campionati a tutte le conseguenze, immediate ed eventuali, sul panorama pallavolistico nazionale da ripercuotersi sulla prossima stagione 2020/21. Il quadro del momento nelle parole del dirigente grottese
Print Friendly, PDF & Email

Il direttore generale della M&G Videx in un immagine di repertorio

GROTTAZZOLINA – Ospite della diretta di un noto programma in radio, il direttore generale della M&G Videx, Rossano Romiti, ha affrontato l’ampia panoramica nel merito dei principali temi del momento.

Dalla decisione federale di sospensione dei campionati a tutte le conseguenze, immediate ed eventuali, sul panorama pallavolistico nazionale da ripercuotersi sia sulla stagione ancora in corso che su quella 2020/21.

 

Direttore, come è stata accolta la sospensione anticipata della stagione?

“Abbiamo accettato di buon grado la decisione della Federazione e siamo pronti a valutare ogni eventualità. Ho sempre espresso la convinzione che se si fossero presentate le condizioni ed i presupposti per una ripresa del campionato non avrei trovato nulla di scandaloso nel far ripartire la stagione, magari con un eventuale play off a giugno o luglio, un’ipotesi per la quale alcune componenti della Superlega avevano espresso parere favorevole. Ne avrebbero giovato tutti gli appassionati, i quali avrebbero avuto l’opportunità di seguirci comodamente da casa, ma anche i media che sarebbero in grado di garantire un ritorno dal punto di vista prettamente economico. Allo stato attuale però non credo sia un’ipotesi ancora percorribile”.

 

Quali input prevede per ripartire in sicurezza?

“Le previsioni parlano di un probabile inizio della prossima stagione a porte chiuse, ma il mio timore è che questa condizione possa protrarsi anche per i mesi successivi. Non possiamo fare altro che affidarci al parere di esperti, medici e scienziati. Se ci diranno che il rischio è ancora troppo alto allora ci adegueremo. Dal canto nostro siamo curiosi di capire quali saranno le direttive per gli atleti, dalla serie A al mini volley. C’è bisogno di un protocollo di sicurezza anche per i più piccoli perché è impensabile tenerli a casa fino a settembre”.

 

Qual è stato l’impatto dell’emergenza nel settore giovanile?

“La situazione ha inevitabilmente coinvolto anche quello che per la nostra società rappresenta una pietra miliare. Il settore giovanile è un importante serbatoio da cui attingere in maniera costante, anche per la nostra serie C femminile che da questo punto di vista sta avanzando sulla scia dei ragazzi della serie A. Quest’anno avevamo anche raggiunto le finali della Boy League, torneo della categoria Under 14, ma abbiamo deciso di sospendere ogni attività già ad inizio marzo perché la preoccupazione in tutto l’ambiente era palese. I nostri allenatori stanno tuttavia inviando settimanalmente dei tutorial ai ragazzi per continuare a fare esercizi perché la ripresa delle attività passerà in primis da loro”.

 

Come sarà la serie A 2020/21?

“La mia sensazione è che cambierà poco o nulla per quanto riguarda Superlega e A2. Diverso invece potrebbe essere il discorso per la A3. Quest’anno c’era un solco piuttosto netto a livello di organizzazione e struttura societarie tra le varie realtà della categoria, perciò è possibile che il prossimo anno ci siano meno delle 24 iscrizioni previste dal regolamento. La presenza o meno di due gironi dipenderà ovviamente dal numero di iscritti ma non credo che la composizione del torneo verrà stravolta”.

 

Qual è la situazione nell’ambito delle sponsorizzazioni?

“Purtroppo in questo momento è quasi impossibile fare previsioni sia per la chiusura di questa stagione che per la prossima. Ci sono situazioni ancora da definire che sono ragionevolmente cambiate in virtù dell’emergenza che stiamo vivendo. E’ anche possibile che bussando alle varie porte vengano fuori i presupposti per rispettare i contratti in essere in questa stagione ma laddove ci trovassimo di fronte ad aziende attualmente chiuse e con problemi reali, quali far fronte ad una riapertura ed al benessere dei propri dipendenti, siamo consapevoli che un tema come quello delle sponsorizzazioni potrebbe comprensibilmente passare in secondo piano”.

 

Giocare a porte chiuse può rappresentare un handicap dal punto di vista economico?

“Gli introiti da biglietti non rappresentano una grossa voce all’interno del nostro bilancio, perciò credo che la situazione influirà relativamente da questo punto di vista. Solo l’assenza di pubblico ci porterà inevitabilmente a vivere le partite in maniera diversa”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti