fbpx
facebook twitter rss

“Imprese marchigiane a rischio
Serve un bonus a fondo perduto”

LA RICHIESTA della Lega e l’accusa alla Regione: "La Giunta è stata incapace, dopo due mesi di lockdown, di formulare una proposta di sostegno economico e un piano di ripartenza"
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Arrigoni

 

“Le imprese marchigiane sono state abbandonate da una Giunta regionale incapace, dopo due mesi di lockdown, di formulare una proposta di sostegno economico e un piano di ripartenza. In migliaia sono drammaticamente a rischio sopravvivenza, occorre subito un’iniezione consistente di liquidità, con un bonus a fondo perduto che dia respiro e crei i presupposti per la ripartenza”. A chiederlo Paolo Arrigoni, segretario regionale della Lega, insieme ai consiglieri regionali Sandro Zaffiri, Luigi Zura Puntaroni, Marzia Malaigia e Mirco Carloni.

L’accusa è rivolta alla Regione: «Come al solito, mentre nelle altre regioni si stanno portando avanti interventi concreti per aiutare le imprese attraverso risorse a fondo perduto (l’ultimo esempio è il Piemonte che stanzia 88 milioni per bonus da 2.500 euro per tutti i ristoranti, bar, gelaterie, pasticcerie, aziende di catering, estetisti, parrucchieri, sale da ballo e discoteche) nelle Marche ci si accontenta di qualche mozione approvata solo per far contento qualche consigliere di maggioranza. Le Marche sono ormai il fanalino di coda tra tutte le regioni italiane – sostengono i leghisti – che in queste settimane hanno pianificato corpose misure strutturali per sostenere l’economia con provvedimenti ad hoc e piani di rilancio. Chiediamo semplicemente di copiare le iniziative degli altri, mettendo in campo un bonus a fondo perduto per tutte quelle attività che sono state obbligate a sospendere il lavoro e per le quali è prevista una ripartenza più lenta ed incerta. Occorre quindi sostenere in primis bar, ristoranti, pasticcerie e attività di catering, che non solo sono fondamentali per la nostra economia ma anche per la costruzione di un’identità territoriale. Le imprese non possono continuare con questa incertezza e con l’inerzia di una Giunta Regionale che in 60 giorni non è stata capace di programmare un’azione organica che tocchi tutti i settori strategici della nostra economia. Finora solo promesse, impegni e mozioni d’intenti. Cari Ceriscioli, Cesetti, Bora e Pieroni, le altre regioni intervengono a sostegno delle imprese. L’economia delle Marche è in ginocchio e non può aspettare i vostri ritardi”, concludono Arrigoni e i consiglieri.

 

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X