fbpx
facebook twitter rss

“Il contagio da Coronavirus
non sia infortunio sul lavoro”
Marcozzi annuncia una mozione

COVID - La capogruppo regionale FI: "Presenterò una mozione per chiedere che l’Amministrazione regionale si attivi immediatamente con il Governo per sanare questa incresciosa situazione"
Print Friendly, PDF & Email

“Se un lavoratore dipendente viene contagiato dal Coronavirus, la responsabilità civile e penale ricade sull’azienda per cui lavora. Il contagio viene trattato come un infortunio sul lavoro. Qui rischiamo che molte aziende non riapriranno più i battenti”. E’ la presa di posizione della capogruppo regionale FI, Jessica Marcozzi che annuncia una mozione per  “chiedere che l’Amministrazione regionale si attivi immediatamente con il Governo per sanare questa incresciosa situazione”.

“Un’azienda che deve rispondere civilmente e penalmente di un contagio, ovunque avvenga, e senza tener conto delle tutele adottate dall’azienda stessa, è inaccettabile. Che senso ha a questo punto chiedere unilateralmente alle aziende le più ampie, e giuste, precauzioni con un protocollo aziendale per la regolamentazione delle misure di contenimento del contagio negli ambienti di lavoro? Così si rischia di far saltare definitivamente l’intero tessuto imprenditoriale e aziendale italiano e marchigiano oltretutto in un periodo in cui invece il Governo dovrebbe, più che mai, essere al fianco di chi trova il coraggio di riaprire i battenti, tra mille difficoltà economiche e burocratiche. L’incidenza che il virus ha avuto purtroppo sulla categoria dei lavoratori della Sanità, con una giustissima solidarietà assicurativa ed economica espressa dall’Inail a chi lavora in quest’ambito, non può però essere generalizzata ed estesa a chiunque abbia una busta paga a prescindere dal tipo di mansione e dal luogo del contagio. Così si contamina un principio giusto e lo si fa diventare un’ingiustizia generalizzata, equiparando il contagio da Covid19 a un infortunio sul lavoro. La Regione faccia sentire la propria voce con il Governo per sanare questa situazione che altri non è che un’ulteriore tegola sulla testa dei nostri imprenditori che invece hanno bisogno di investimenti e di accesso al reddito con i lavoratori che hanno il diritto di avere garantita l’occupazione. Al riguardo presenterò una mozione per chiedere che l’amministrazione regionale si attivi immediatamente con il Governo per sanare questa situazione”.

 

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X