facebook twitter rss

“Invasi da un lago di fango e non è la prima volta” la rabbia delle aziende di Via Galilei: è tempo della conta dei danni (FOTO E VIDEO)

PORTO SAN GIORGIO - Documenti, macchinari, spedizioni, prese elettriche. Tra le aziende più colpite la Ellepi Srl Professional Printig dove il fango ha invaso tutti i locali interni provocando numerosi danni. 
Print Friendly, PDF & Email
L'interno della Ellepi Professional Printing

L’interno della Ellepi completamente invaso dal fango

 

di Paolo Paoletti

Una scena già vista tre anni fa e che purtroppo questa mattina si è ripetuta, con tutti i danni, la rabbia e i disagi che ne conseguono. Dopo il fortissimo temporale di questa notte sono ingenti i danni subiti delle aziende di Via Galilei, a Salvano di Porto San Giorgio. Il vicino canale per il deflusso delle acque è straripato provocando un vero e proprio lago di fango arrivato fin dentro alle aziende. 

Sin dalle prime ore della mattina, una volta scoperta l’amara sorpresa, titolari e lavoratori si sono armati di scope per cercare di mettere in sicurezza il salvabile. Documenti, macchinari, spedizioni, prese elettriche. Tra le aziende più colpite la Ellepi Srl Professional Printig dove il fango ha invaso tutti i locali interni provocando numerosi danni. 

E proprio in Via Galilei questa mattina si respirava un clima di amarezza ma anche rabbia: “La pulizia del fosso è di competenza del Comune e non era stata fatta. Il risultato è sotto gli occhi di tutti”. E purtroppo c’è anche un precedente. Tre anni fa, in occasione di un’altra bomba d’acqua simile a quella di questa notte, si era venuta a creare la stessa grave situazione.

Con il passare delle ore sul posto sono arrivati i vigili del fuoco volontari, la polizia locale oltre che il servizio di autospurgo a carico delle imprese danneggiate. A metà mattinata è arrivato anche il sindaco Nicola Loira per un sopralluogo. Non resta ora che fare la conta dei danni. Un’ennesimo duro colpo che arriva dopo le grandi difficoltà dell’emergenza Coronavirus dalla quale, molte delle aziende colpite, stavano cercando di riprendersi in questa fase di ripartenza.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti