facebook twitter rss

”Una nuova sezione alla secondaria
del capoluogo”, Terrenzi
scrive all’Ufficio Scolastico Regionale

SANT’ELPIDIO A MARE – C'è un deciso "no alla classi pollaio", soprattutto in un periodo come quello corrente di piena pandemia, da parte del primo cittadino. Tutto specificato nella lettera inviata dalla municipalità elpidiense al dirigente Marco Filisetti
Print Friendly, PDF & Email

Alessio Terrenzi

Il futuro della scuola è incerto in un periodo di emergenza come quello attuale.

Certo è, però, che il numero delle alunne e degli alunni presenti nelle classi sarà fondamentale per attuare al meglio le regole del distanziamento sociale indispensabili per combattere la diffusione del Covid 19.

“Qualunque sia la decisione che verrà presa a livello governativo per il futuro della nostra scuola – dice il sindaco, Alessio Terrenzi – mi sono mobilitato per far presente che a settembre, per l’anno scolastico 2020/2021, si dovrà fare la massima attenzione ai numeri: per questo ho scritto al direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, Marco Filisetti, per chiedere l’attivazione di una nuova sezione per la scuola secondaria al capoluogo visto che i numeri fanno immaginare una situazione inaccettabile”.

“Da quel che risulta dalle iscrizioni sono previste prime classi, per la scuola media, di 27 alunni: ciò sarebbe difficile da accettare in una situazione normale, figuriamoci in una situazione di emergenza – prosegue il primo cittadino -. So che la dirigente scolastica, professoressa Teresa Santagata, si è già mossa in tal senso ma ho voluto far sentire anche a livello istituzionale la voce di un territorio che chiede maggiore attenzione per alunne ed alunni che non possono frequentare le lezioni in gruppi-classe troppo grandi, tanto più in questo difficile momento. Mi auguro che la richiesta di questo territorio venga accolta ed attendo un riscontro in merito”.

Il sindaco coglie anche l’occasione per esprimere il proprio pensiero in merito alla decisione di non effettuare, per la fine dell’anno scolastico, gli esami di terza media in presenza.

“Trovo che sia una scelta inopportuna – afferma ancora Terrenzi – quella di togliere alle alunne e agli alunni di terza media l’occasione di fare una importante esperienza come può essere quella dell’esame finale davanti ad insegnanti con i quali si potrebbero senza problemi rispettare tutte le norme di sicurezza. Oltre a perdere un’occasione irripetibile, quella di mettersi alla prova alla fine del loro percorso scolastico, non avranno nemmeno l’occasione di salutare (con le dovute cautele) i loro insegnanti. Onestamente credo che non sia una scelta appropriata e credo che le nostre alunne ed i nostri alunni non meritino un trattamento di questo tipo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti