facebook twitter rss

I socialisti contro il doppio turno alle regionali,
Vita:”No a giochi subdoli, serve il coraggio di andare col nostro simbolo”

FERMO - Il presidente di Socialismo XXI duro con l'assessore Pieroni:"Il consenso lo decidono gli elettori, no a furbizie dell'ultima ora dettate dalla paura"
Print Friendly, PDF & Email

Un attacco senza mezzi termini alla proposta di modifica alla legge elettorale regionale ed alla quota socialista nella lista Uniti per le Marche. A criticare l’iniziativa, presentata dal consigliere Boris Rapa e dall’assessore regionale Moreno Pieroni, Luciano Vita, membro della direzione nazionale del Partito socialista, di cui è stato anche segretario regionale, ed oggi coordinatore per l’Italia centrale dell’associazione Socialismo XXI.

“Leggiamo che il segretario regionale del Pd scarica i socialisti – nota Vita – e per non perdere la faccia sulla ignobile iniziativa legislativa che cambia le regole elettorali a legislatura scaduta e a tre mesi dalle elezioni, prende le distanze. L’assessore, non pago di questa iniziativa, rincara la dose ed afferma che il Pd era al corrente della sua proposta. Una conferma di essere i ‘servitori sciocchi’ di quel partito”.

Secondo l’esponente di Socialismo XXI “i socialisti sanno che il consenso o ce l’ hai per volere degli elettori, o non ce l’hai ed accetti il voto democratico del popolo, non ricerchi subdoli strumenti dell’ultima ora per paura che possano vincere le destre. Una iniziativa di così palese peso politico andava discussa con gli organi regionali del partito. Noi di Socialismo XXI nelle Marche condanniamo tali metodi ed una furbizia di infimo profilo politico. Invitiamo i gruppi dirigenti del Psi a prendere le distanze da questa iniziativa. Si abbia il coraggio e la coerenza di rispettare le decisioni della segreteria nazionale del Psi, attivandosi per presentarsi alle regionali con una propria lista e con il simbolo del partito per ricominciare, a prescindere dai risultati, a rilanciare e ricostruire il partito del socialismo dei marchigiani, ormai ridotto ai minimi termini”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti