facebook twitter rss

Morti nell’esondazione dell’Ete:
risarcimenti per quasi 1 milione

CASETTE D'ETE - Valentina Alleri, 20 anni, e Giuseppe Santacroce, 50, avevano perso la vita dopo che l'auto su cui si trovavano venne travolta dalla piena del fiume
Print Friendly, PDF & Email

maurizio-vallasciani-avvocato

L’avvocato Maurizio Vallasciani

 

Erano morti a causa dell’esondazione del fiume Ete, a Casette d’Ete, il 2 marzo 2011: disposto un risarcimento di circa un milione di euro per gli eredi e gli aventi diritto. A perdere la vita la civitanovese Valentina Alleri, 20 anni, e Giuseppe Santacroce, 50, brindisino. Entrambi, insieme alla mamma di Alleri, Salvina Granata, che si salvò, si trovavano in auto e stavano andando al lavoro a Civitanova quando la loro vettura venne travolta dalla piena del fiume.

Ora sono stati risarciti tutti gli eredi e gli aventi diritto dalle compagnie di assicurazione (sia quella della vettura sia l’assicurazione del comune di Sant’Elpidio a Mare) per oltre 950mila euro. Gli eredi e gli aventi diritto che si sono costituiti nei vari procedimenti e che hanno beneficiato del risarcimento sono: Salvina Granata, tutelata dall’avvocato Maurizio Vallasciani, Michele Alleri (padre di Valentina), assistito dai legali Paolo Bacalini e Francesco Voltattorni, Palma Vitale (moglie di Santacroce), difesa negli ultimi gradi e nel civile dall’avvocato Vallasciani e nei precedenti dall’avvocato Alessia Pepi, Pasquale Santacroce (fratello del conducente), Antonietta Santacroce (sorella del conducente) e Maria Ciciriello (madre di Santacroce) tutti assistiti dall’avvocato Antonietta Spallutti.

Per quanto riguarda il processo penale in cui era imputato l’ex sindaco di Sant’Elpidio a Mare, Alessandro Mezzanotte, si era concluso con la sentenza definitiva della Cassazione che lo aveva assolto per intervenuta prescrizione facendo però salvi tutti i risarcimenti in favore delle vittime, che si erano costituite parti civili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti