facebook twitter rss

Colpo dei carabinieri allo spaccio:
sequestro di 5 chili di marijuana,
un arresto e due denunce

DROGA - Dal Reparto operativo del comando provinciale dell'Arma di Fermo: "Le sostanze stupefacenti e il materiale rinvenuto lasciano presupporre che i tre fossero coinvolti in una proficua attività di spaccio di stupefacenti destinati a soddisfare il mercato locale a ridosso tra le province di Fermo e Macerata. Sono tuttora in corso attività di indagine finalizzate a individuare i canali di approvvigionamento della droga"
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

I carabinieri del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Fermo, nell’ambito di un’attività volta al contrasto del commercio illegale di sostanze stupefacenti, nella serata di martedì scorso, hanno sorpreso un giovane originario della provincia di Foggia, in un capanno nelle campagne di Civitanova Marche mentre era intento a confezionare marijuana all’interno di sacchetti di cellophane.

All’interno dello stesso fondo agricolo i militari hanno trovato anche il proprietario, un suo concittadino.
Dalla perquisizione i carabinieri hanno rinvenuto complessivamente 5,2 di marijuana, oltre a una bilancia digitale, e diverse confezioni di amuchina e materiale per il confezionamento.
Successivamente, il controllo è stato esteso anche alle abitazioni in uso ai due pugliesi e all’interno dell’abitazione in uso al primo, dove è stato trovato un giovane di origine albanese, i militari hanno trovato ulteriori 300 grammi di marijuana, 100 grammi di hashish, un frullatore intriso di residui di cocaina, un bilancino di precisione, sostanza da taglio e materiale per il confezionamento.
Il primo ragazzo è stato tratto in arresto e gli altri due deferiti in stato di libertà con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
L’arrestato, su disposizione dell’autorità giudiziaria di Macerata, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Ancona Monte Acuto.
Le sostanze stupefacenti e il materiale rinvenuto lasciano presupporre che i tre fossero coinvolti in una proficua attività di spaccio di stupefacenti destinati a soddisfare il mercato locale a ridosso tra le province di Fermo e Macerata. Sono tuttora in corso attività di indagine finalizzate a individuare i canali di approvvigionamento della droga.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti