facebook twitter rss

Caos traffico tra A14 e Statale, Cognigni:
“Tentati di bloccare tutto
ma dobbiamo lavorare, azzerare i pedaggi”

TRAFFICO - Il presidente della sezione trasporti di Confindustria Centro Adriatico: "Il periodo del Covid ha portato a un calo del 30% del fatturato e ora i nuovi blocchi sulla A14, che si ripercuotono sula Statale, faranno solo peggiorare il quadro economico"
Print Friendly, PDF & Email

Un migliaio di addetti, oltre 30 milioni di fatturato: ecco il mondo dell’autotrasporto rappresentato da Confindustria Centro Adriatico. “Siamo stanchi, così è invivibile. L’economia è strozzata ogni giorno” sottolinea Enrico Cognigni, presidente della sezione trasporti di Confindustria Centro Adriatico.
“Camion bloccati in autostrada, ritardi nelle consegne, situazioni di stress che aumentano per i nostri autisti: la situazione è ancora più complessa rispetto a un semplice danno economico”.

“Per l’imprenditore però – rimarcano da Confindustria – un’azione eclatante è difficile da immaginare”.

“Le aziende hanno bisogno dei nostri servizi, discutiamo da tempo anche con altre associazioni se fermarci, se provare a bloccare le strade. Ma poi vince il senso del dovere. Il momento è delicato e nessuno vuole arrivare a tanto”.

“La verità è che i danni prodotti da questa situazione son destinati a crescere, giorno dopo giorno. Il periodo del Covid ha portato a un calo del 30% del fatturato e ora i nuovi blocchi sulla A14, che si ripercuotono sula Statale, faranno solo peggiorare il quadro economico. A nessuno di noi – rimarca Cognigni – piace intasare le strade dentro le città, aumentando l’inquinamento e i disagi, ma o ci si ferma, perdendo il lavoro, o bisogna per forza trovare le strade alternative per andare avanti. Purtroppo non tutti comprendono cosa significhi consegnare in ritardo la merce o quanto incida una coda sui consumi del gasolio”.
Cognigni aggiunge: “L’autotrasporto sta scontando insoluti e mancanza di liquidità dei clienti. Aumentare i costi, a causa delle continue code, creerebbe ancora più problemi gestionali. La crisi del distretto fermano si ripercuote anche sulle consegne, così come, se penso al Piceno, l’assenza di ordini nella meccanica che peserà sull’autunno”.
La prima richiesta alla politica è quella di “liberare l’autostrada, cominciando dai sequestri. In un anno si ricostruisce un ponte a Genova e in anni non si riescono a finire dei lavori nelle gallerie o sui guardrail. Se ci penso che un anno fa stavo dicendo quasi le stesse cose è inaccettabile. Noi parliamo per l’autotrasporto, ma anche per il turismo che subisce le conseguenze”.
Infine, l’appello finale: “Almeno un azzeramento dei pedaggi da Pescara ad Ancona. Sarebbe un segnale minimo, un riconoscimento dei disagi. In poche settimane siamo passati da eroi, come ci definiva la ministra Paola De Micheli durante il lockdown, a dimenticati: inaccettabile”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X