facebook twitter rss

Luca Bigi, capitano
della Nazionale, in visita
alla città di Fermo

RUGBY - Il pilastro azzurro sul campo di Marina Palmense insieme ai ragazzi del Fermo Rugby in compagnia del sindaco Paolo Calcinaro e dell'assessore Alberto Maria Scarfini. "Un onore averlo avuto in città", commentato gli amministratori
Print Friendly, PDF & Email

Il capitano azzurro Bigi con il sindaco Calcinaro e l’assessore Scarfini sul campo di Marina Palmense

FERMO – “Un vero piacere trovare il capitano della Nazionale in visita al club, ai ragazzi e alle famiglie in un clima molto bello: questo ci fa capire quanto è importante la strada intrapresa per la riqualificazione del campo che verrà fatta tramite bando prossimamente. Abbiamo trovato il profilo urbanistico per poterla fare e poi ci sarà un bando dove, come accaduto per altre realtà, il Comune metterà la sua parte e l’aggiudicatario del bando la propria”.

Le parole del sindaco Paolo Calcinaro a margine della visita in questi giorni al campo di Marina Palmense del capitano della Nazionale di Rugby, Luca Bigi, che ha incontrato il Fermo Rugby Club, dirigenti, i giovani atleti e le famiglie.

Un momento di festa per i giovani atleti della Rugby Fermo che lo hanno atteso con trepidazione e accolto con gioia chiedendo subito autografi e foto. Poi una sorta di lezione-allenamento con consigli e suggerimenti che i giocatori fermani hanno voluto subito recepire come preziosi e importanti per poter praticare uno sport che li appassiona, nell’associazione guidata da Luca Trasatti.

A fare gli onori di casa il sindaco Paolo Calcinaro e l’assessore allo sport Alberto Scarfini che ha dichiarato: “Un onore avere in città un campione come Luca Bigi, un modello ed un esempio per i ragazzi della nostra città che praticano con passione questo sport, attestando anche l’impegno che si sta mettendo per fare della pratica sportiva soprattutto per le giovani generazioni motivo di divertimento, aggregazione e socializzazione con uno spazio come quello di Marina Palmense che verrà riqualificato”.

“Un regalo bellissimo per tutti noi l’arrivo del capitano della Nazionale di rugby a Fermo – ha sottolineato Luca Trasatti, presidente della Fermo Rugby Club – una promessa che ha mantenuto dopo che nel periodo di lockdown ha “istruito” e ha dialogato on line con i nostri ragazzi, è stato loro molto vicino”.

A marzo di quest’anno i ragazzi fermani dell’under 14 e 16 sarebbero già dovuti partire per il primo gemellaggio con l’Oahkam Rugby Club in Inghilterra, che sarebbe poi tornato a Fermo nell’estate 2021. L’emergenza sanitaria ha inevitabilmente costretto la società a cancellare il gemellaggio e l’attività con le scuole, ma non ha certo ridotto l’entusiasmo e la voglia di puntare alla meta.

Ecco allora il progetto “Io mi alleno con un campione” attraverso il quale i ragazzi dell’under 14 della Fermo Rugby hanno avuto l’onore di essere guidati, attraverso un canale social della società, in 4 sedute di allenamento da casa da altrettanti giocatori della Nazionale, fra cui Luca Bigi. Dopo il primo allenamento, seguito quasi esclusivamente dai ragazzi fermani, l’appuntamento con i campioni è diventato virale e con crescenti “followers” da tutta la penisola portando Fermo alla ribalta nazionale attraverso il mondo digitale. I riscontri avuti sono entusiasmanti.

In questi giorni l’arrivo in città del capitano della nazionale di Rugby, che ha apprezzato ed è rimasto affascinato dalla vicinanza del mare al campo da gioco, la cui presenza ha voluto onorare l’impegno della Fermo Rugby Club come realtà che si sta consolidando sempre più con determinazione e passione, trasmettendo ai giovani i valori dello sport.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X