facebook twitter rss

Scadenze fiscali, Confartigianato:
“No a interessi e sanzioni
Serve la proroga al 30 settembre”

AZIENDE - Il presidente Leonori: "Rappresentiamo migliaia di imprese e affrontiamo quotidianamente con loro difficoltà sempre maggiori, facendoci per quanto possibile portavoce delle loro istanze. Questa protesta unanime di imprenditori, professionisti e operatori è frutto di un’estenuante e logorante situazione di crisi che, se non adeguatamente affrontata, non potrà far altro che peggiorare"
Print Friendly, PDF & Email

Renzo Leonori

“Scadenze fiscali, no a interessi e sanzioni. Necessaria la proroga al 30 settembre”. E’ la presa di posizione di Confartigianato. “Nonostante le preoccupazioni e le proteste di questi giorni, la proroga delle scadenze fiscali del 20 luglio è stata purtroppo disattesa. Secondo i nostri dati – afferma il presidente Renzo Leonori – ad oggi, solo il 10% delle nostre imprese associate, ha provveduto agli adempimenti previsti. Ciò significa che dell’importo dovuto al 20 luglio, ovvero circa 5 milioni di euro, sono stati versati solo 472 mila euro di imposte.

E’ quindi ancor più indispensabile, prorogare tali scadenze almeno al 30 settembre prossimo, con l’eliminazione di interessi e sanzioni che ammonterebbero al 3% del tributo, se il pagamento avviene con il ravvedimento breve entro 30 giorni dalla violazione, e al 3,75% dal 31esimo giorno in poi. Rappresentiamo migliaia di imprese e affrontiamo quotidianamente con loro difficoltà sempre maggiori, facendoci per quanto possibile portavoce delle loro istanze. Questa protesta unanime di imprenditori, professionisti e operatori è frutto di un’estenuante e logorante situazione di crisi che, se non adeguatamente affrontata, non potrà far altro che peggiorare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X