facebook twitter rss

Montegranaro tra la Gente:
“No a Palazzo Lattanzi sede
di alloggi popolari per extracomunitari”

MONTEGRANARO - Il gruppo di minoranza capeggiato da Lucentini: "L’esecutivo montegranarese proceda a due velocità, caratterizzate da anime diverse, per meglio dire contrapposte, con la comunicazione interna oggettivamente scarna o peggio assente"
Print Friendly, PDF & Email

“Un chiarimento importante è giunto grazie alla seduta del Consiglio comunale di lunedì sera. A fronte di un periodo preoccupante per le riscossioni, e quindi per gli introiti in arrivo verso le casse comunali, vedi le difficoltà nel pagamento dell’Imu riscontrate da una parte importante delle famiglie montegranaresi, ci è parso davvero in netto contrasto apprendere la ventilata ipotesi secondo la quale il sindaco Ediana Mancini avrebbe voluto acquistare all’asta il noto palazzo Lattanzi, sito nel cuore del quartiere San Liborio e prossimo a finire all’incanto, per tradurlo in alloggi popolari”. Così, in una nota stampa il gruppo di minoranza ‘Montegranaro tra la Gente’.  Una “rinnovata riflessione politica” dei consiglieri di minoranza comunale riconducibili appunto, “Montegranaro tra la Gente”, con le parole espresse dal capogrupo Mauro Lucentini che sintetizza l’analisi anche degli altri componenti, vale a dire l’ex sindaco Gastone Gismondi, Annalina Zincarini, Ermanno Vitali e Lucio Melchiorri.

“Un’operazione che tradotta in termini pratici – ha proseguito Lucentini – vedrebbe l’80% circa delle eventuali assegnazioni realizzarsi a favore di nuclei familiari composti da cittadini extracomunitari. Il sindaco e gli amministratori sanno bene che esiste già a pochi metri dell’edificio in questione un palazzo ben noto ai montegranaresi totalmente abitato da extracomunitari. Non sono dunque queste, a nostro avviso, le priorità impellenti della città – sottolinea l’esponente della Lega – anche perché abbiamo sempre rimarcato che ci sono già 14 appartamenti di proprietà comunale con l’assegnazione ancora lontana. Gli appartamenti vuoti, pertanto, ci sono. Le spiegazioni a noi giunte da chi di dovere sono state frammentarie e soprattutto prive di concertazione tra amministratori, con gli assessori Aronne Perugini e Roberto Basso, e naturalmente il sindaco Ediana Mancini, vale a dire l’anima amministrativa a traino Pd, a confermarci l’ipotesi”.

“Con incredulità abbiamo così constatato che la parte civica della giunta non ne era al corrente, e in automatico prende anche corpo, dati alla mano, la voce ufficiosa del fatto che l’esecutivo montegranarese proceda a due velocità, caratterizzate da anime diverse, per meglio dire contrapposte, con la comunicazione interna oggettivamente scarna o peggio assente. Questo lo stato di salute dell’amministrazione – ha continuato Lucentini – A fare luce sulla vicenda è giunta anche la voce dell’assessore Giacomo Beverati, che direttamente in assise ha assicurato noi, ma soprattutto i cittadini di Montegranaro, che per la parte della giunta riguardante i membri non riconducibili al Partito Democratico quanto circolato sulle sorti di palazzo Lattanzi non troverebbe concreto riscontro, per come invece preventivato da altri suoi colleghi, salvo poi fare retromarcia velocemente. Grazie dunque al nostro intervento possiamo informare la città che non ci saranno i presupposti affinché a Montegranaro venga alla luce ciò che, forti delle recenti vicende nel merito, vedrebbe veicolate risorse pubbliche in azioni lontane dalle concrete priorità dei nostri concittadini”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X