facebook twitter rss

Colpo Porto Sant’Elpidio, sugli
esterni c’è Riccardo Di Angilla

SERIE C SILVER - Il quintetto di coach Cappella, dopo le firme di Boffini, Torresi, Sagripanti e Giammò porta a casa anche l'ormai ex capitano della Sutor Montegranaro. "Resterò un tifoso gialloblù, ma sono pronto ad entrare nel cuore dei tifosi elpidiensi con i fatti. Non sarà facile ma faremo tutti il massimo per riportare la società nelle categoria superiori che merita"
Print Friendly, PDF & Email

di Paolo Gaudenzi

 

PORTO SANT’ELPIDIO – Prosegue a ritmo serrato la campagna acquisti della società rivierasca.

Giorni dinamici infatti quelli appena trascorsi sulle sponde all’Adriatico elpidiense, che ha portato a concretizzare le firme sugli accordi stagionali dei “cavalli di ritorno” come la guardia leva del 1985, Francesco Boffini e del pivot ventottenne Diego Torresi.

Agli stessi si aggiungono le riconferme dell’altra figura “due“, Mattia Sagripanti, nata del 1991 e del prorompente Joshua Giammò, play del 1993.

Il quintetto di coach Rossano Cappella, che sarà assistito da Roberto Ramini, si arricchisce ora dell’ex Sutor Premiata Montegranaro, Riccardo Di Angilla (foto). Ala del 1985, il veregrense, sulle pagine web biancoazzurre, in merito all’avventura sportiva che lo vedrà protagonista tra qualche settimana, ha dichiarato di essere orgoglioso di vestire  “una casacca gloriosa come quella di Porto Sant’Elpidio, società non c’entra nulla con la categoria. Non sarà per niente facile però tornare subito in alto: ho già avuto modo di parlare con i nuovi compagni e ci sarà da sudare e soffrire, nessuno ci regalerà niente. Sarà un campionato complicato e spigoloso, ci vorrà tanta umiltà, abnegazione, spirito di sacrificio e fame“.

“Per me Porto Sant’Elpidio è una seconda casa – ha proseguito Di Angilla, in curriculum a poter vantare le esperienze con Supernova, Poderosa e Pedaso –, visto che qui lavoro e già da piccolo venivo al palazzetto con mio padre a vedere i tanti derby con quella Sutor, che sarà per sempre nel mio cuore e per la quale farò sempre il tifo. Gli ultimi due anni a Montegranaro sono stati stupendi, faccio il mio più grande in bocca al lupo alla società e saluto con affetto i tanti tifosi che sono stati sempre calorosissimi. Adesso, però, voglio entrare nel cuore degli elpidiensi e lo voglio fare con i fatti, darò quindi tutto per questa maglia”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X