facebook twitter rss

Nuovo lungomare,
arriva il progetto

PORTO SAN GIORGIO - Previste piste ciclabili, spazi aggregativi, un anfiteatro e verde attrezzato. Il sindaco Loira: “La giunta ha approvato l'elaborato di fattibilità tecnico-economica di riqualificazione"
Print Friendly, PDF & Email

Un prospetto dell’intero progetto

La riqualificazione del lungomare Gramsci passa per la fase progettuale. La giunta comunale ha approvato il progetto fattibilità tecnico-economica di riqualificazione.

Redatto dal gruppo tecnico “Arkteam” si è puntato sull’aumento dell’estensione del lungomare verso est per ricreare nuovi contesti di vivibilità urbana. Saranno questi i prossimi spazi: piazze e larghi che favoriscono l’incontro sociale e per il tempo libero ed in cui vengono utilizzati elementi naturali come l’acqua, il verde ed il legno per esaltare la bellezza del paesaggio.

Vengono incluse rampe, gradoni e parchi che conducono fino alla spiaggia. Ad ovest si intende connettere il lungomare con le zone della città, comprese le sue aree verdi esistenti, in funzione anche di un accesso in sicurezza e senza barriere. Non ultimo il capitolo pista ciclabile: il progetto le vede snodata, “continua ma al tempo stesso dinamica in sede propria”. Ne è prevista una bidirezionale che si snoda da nord a sud, larga 2,5 metri e posta ad un livello inferiore rispetto alla zona pedonale per garantire la sicurezza di tutti i fruitori. Viene posizionata nel lato esterno verso la strada, separata da un cordolo con essa. La lunghezza è di 3,7 chilometri. Nel complesso l’estensione della zona pedonale lato mare è di circa 20.000 metri quadri.

Lungomare nord. L’area parking e la pineta Salvadori sono le zone individuate da riconnettere al lungomare in cui si prevedono anche 11 spazi di prospettiva sulla spiaggia.

Lungomare centro. E’ il tratto che va dalla concessione 54 (Barracuda) alla 17 (Colonia marina). Agli 8 slarghi “attrezzati” previsti sono state individuate 6 zone da inserire nel nuovo contesto: largo Bazzani, Bambinopoli, via Oberdan, piazza Mentana, piazza del Marinaio e Canossiane. La parte pedonale è stata estesa alla fascia di rispetto. Una passerella in legno collegherà visivamente e fisicamente via Oberdan all’acqua. Largo Silenzi è convertito ad anfiteatro pubblico con scalinate e spazi per ospitare spettacoli all’aperto.

Lungomare sud. Va da Duilio (concessione 1) a Colonia marina (17). Quattro le aree attrezzate in corrispondenza con le spiagge libere. Due le zone da riconnettere: Canossiane (parte terminale) e piazza XXV aprile. Si sommano alla valorizzazione del porto turistico ed al ponte ciclopedonale sul fiume Ete in costruzione.

“Abbiamo approvato un progetto che va ben oltre il preliminare – sottolinea il sindaco Nicola Loira – . E’ una pianificazione che, viste le sue caratteristiche tecniche ed economiche, ci consente di partecipare ai bandi pubblici esistenti per la ‘mobilità dolce’ e di avere bene in chiaro l’obiettivo da raggiungere, anche attraverso la programmazione dei bilancio comunale. Senza un progetto non sarebbe possibile poterlo fare. Si apre quindi una pagina nuova: da sempre si è criticato il lungomare perché poco attraente e non funzionale alla viabilità e alla mobilità ma mai il Comune ha avuto uno strumento come questo. Oggi ce l’ha. Abbiamo già iniziato a ragionare e ad individuare le necessarie risorse per l’attuazione di un progetto che consegniamo alla città per la futura realizzazione”.

 

Fotogallery estratta dal progetto:


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X