facebook twitter rss

Pauroso incendio nell’azienda
di pollami: strage di animali
(Foto e Video)

VALDASO - Numerose le segnalazioni ai vigili del fuoco sia di Fermo che di Ascoli Piceno. L'altissima colonna di fumo visibile da decine di chilometri di distanza, sia dal Fermano che dall'Ascolano
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Fedeli (foto Simone Corazza)

Le immagini scattate dal belvedere di Ortezzano da Giuseppe Ricci

Un vasto incendio è divampato questa mattina, intorno alle 11,30 in un’azienda di pollami lungo la Valdaso, la ex Monaldi, zona colle Indaco, dove sono presenti dei silos per conservare mangimi, e un capanno. Decine di telefonate ai vigili del fuoco sia di Fermo che di Ascoli Piceno.

Sì perché l’inquietante colonna di fumo scaturita dall’incendio si è alzata verso il cielo e subito visibile da decine e decine di chilometri di distanza. Dunque visibile sia dal versante fermano che da quello ascolano. Sul posto, raccolti gli sos, si sono precipitati i vigili del fuoco di Fermo, Ascoli Piceno e Amandola per cercare di domare le fiamme.

Nel momento in cui è divampato l’incendio all’interno dell’area aziendale, con due capannoni divorati dalle fiamme e due salvati dal tempestivo intervento dei vigili del fuoco (un quinto, non interessato dalle fiamme, è in costruzione) vi erano alcuni operai, una quindicina, fortunatamente tutti in salvo. Dunque nessun intossicato o, peggio, ustionato. Nulla da fare, invece, per le migliaia di polli e galline all’interno di uno stabile avvolto dalle fiamme. Si parla addirittura di 150.000 animali morti carbonizzati.

Al momento non si conoscono le cause alla base dell’incendio. Comunque non risulterebbero materiali tossici a fuoco. L’odore acre di bruciato si è comunque diffuso nell’aria invadendo le colline tutt’intorno all’area del rogo. Nel primo pomeriggio il sindaco di Ortezzano Giusy Scendoni ha emesso un’ordinanza precauzionale in cui si raccomanda di tenere chiuse porte e finestre, impianti d’aria e condizionatori e il divieto di raccolta e consumo di frutta e verdura dalla giornata odierna fino a nuova disposizioni.  Un’ordinanza precauzionale, vista anche l’entità dell’incendio.

Sul posto anche i carabinieri che, insieme ai vigili del fuoco, una volta domate le fiamme definitivamente, si metteranno subito al lavoro per risalire alla causa dell’incendio. Al momento non sembrano esserci dubbi sulla natura accidentale delle fiamme. Un operaio, infatti, vedendo del fumo fuoriuscire da uno dei due capannoni, ha aperto la porta. E lì lo scenario infernale. Certo è che a giocare un ruolo decisivo della propagazione dell’incendio è stata il consistente quantitativo di ‘pollina’, altamente infiammabile, all’interno della struttura. E dai Comuni in zona sono iniziati i primi appelli a tenere porte e finestre chiuse: “In via precauzionale e in attesa di avere maggiori riscontri da parte delle autorità competenti”.

Le immagini scattate dal belvedere di Ortezzano da Giuseppe Ricci

Le immagini scattate dal belvedere di Ortezzano da Giuseppe Ricci

Le immagini scattate dal belvedere di Ortezzano da Giuseppe Ricci


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X