facebook twitter rss

Elezioni regionali, ‘Marche Coraggiose’:
ecco i quattro candidati nel Fermano

REGIONALI - Il quartetto di candidati per la lista in appoggio al presidente Mangialardi è composto da Sonia Capeci, Franco Menicali, Reza Saee e Annunziata Ubaldi
Print Friendly, PDF & Email

Saranno Sonia Capeci, Franco Menicali, Reza Saee e Annunziata Ubaldi a rappresentare, per il Fermano, il quartetto di candidati alle elezioni regionali per ‘Marche Coraggiose’.

“La lista Marche coraggiose – spiegano dalla lista stessa – è nata dalla volontà di partiti della sinistra come Art.1, di esponenti ex 5 Stelle, di singole personalità della sinistra marchigiana, di Italia in Comune e dell’associazione ‘Naturalmente Le Marche’, oltreché da tante persone attive nel mondo delle associazioni, del lavoro, dell’ambientalismo, delle professioni, del civismo, di mettersi insieme su un progetto comune, in sostegno del candidato presidente Maurizio Mangialardi, al fine di mettere a disposizione dei cittadini e delle cittadine della nostra Regione le competenze, le esperienze, le culture e le personalità necessarie a migliorare la vita quotidiana delle nostre comunità”.

Ecco chi sono i quattro candidati: Sonia Capeci 52 anni, dipendente pubblico, laurea in Scienze Geologiche, qualifica in Sistemi Gestione Integrata Qualità Ambiente Sicurezza, Franco Menicali, 69 anni, quadro direttivo della Bnl in pensione, presidente Auser provinciale di Fermo, Reza Saee, 60 anni, ingegnere civile, esperto di impianti di stoccaggio gas e carburanti avio e reti gas, Sicurezza ambientale e Impianti fotovoltaici, e Annunziata Ubaldi, 47 anni, avvocato, specializzata in diritto penale, diritto dell’immigrazione e mediazione, esercita principalmente al Foro di Fermo.

 

“Ci chiamiamo ‘Marche coraggiose’ perché questo è il momento di avere il coraggio di riconoscere che il modello di sviluppo che abbiamo conosciuto in questi decenni a livello globale si sta rivelando insostenibile dal punto di vista ambientale e sociale. Dobbiamo ripensare il futuro con proposte concrete sull’innovazione, la lotta alle diseguaglianze, sulla trasformazione ecologica. L’emergenza climatica e sociale ci riguarda tutte e tutti e dobbiamo essere all’altezza della sfida.

Anche nella nostra regione corriamo il rischio di consegnare alle prossime generazioni una società diseguale ed ecologicamente compromessa. Noi ci siamo messi e messe insieme perché la destra antidemocratica e incapace di governare il futuro non abbia il sopravvento.

Le liste provinciali  rappresentano i vari settori della società dei territori provinciali, dei contenuti che vanno dalla sanità all’ambiente, dalla cultura al lavoro, dal rilancio delle aree interne al riequilibrio costa-entroterra, dal volontariato alla cooperazione sociale.

Perché questi sono i contenuti del nostro programma: la difesa della sanità pubblica e del suo rapporto con il territorio, il sostegno al mondo del lavoro fortemente penalizzato dalla crisi e dal dramma della pandemia, la tutela dell’ambiente troppo spesso trascurato a favore di scelte falsamente produttive, la valorizzazione dei beni culturali sia già utilizzati che da recuperare ad un uso pubblico, lo sviluppo e l’estensione della rete informatica, il potenziamento di esperienze sociali di grande valore per le fasce più fragili della popolazione.

Sottolineiamo il nostro impegno per le aree interne dove occorre lavorare per un diverso modello di gestione dell’economia e del territorio che vada verso produzioni ambientalmente sostenibili, in grado di tutelare e valorizzare il carattere identitario dei luoghi, il suolo e la natura.

In particolare per la sanità pensiamo che vada riaffermato  il primato della sanità pubblica, rafforzata la medicina del territorio, anche attraverso l’integrazione dei servizi restituendo alle piccole strutture dell’interno alcune delle funzioni ospedaliere soppresse, come la riapertura dei punti di primo intervento (Ppi) H 24, l’assegnazione di posti letto di medicina per acuti di bassa e media complessità e lungodegenza, in dipendenza funzionale ed organizzativa dall’ospedale di riferimento, di posti letto di osservazione e day surgery, il potenziamento della rete dell’emergenza territoriale con l’istituzione di automediche e di una chiara e veritiera distribuzione dei mezzi di soccorso sul territorio, il potenziamento della diagnostica per immagine e della specialistica;

Su questo terreno comune d’impegno, le diverse componenti della lista ‘Marche coraggiose’ hanno superato le differenti provenienze politiche nella convinzione che le differenze, quando hanno come obiettivo il bene comune, diventano risorse positive e fertili.

La nostra comune consapevolezza è che la politica debba cambiare le sue modalità e i suoi comportamenti troppo spesso legati prevalentemente agli individualismi e a logiche di potere, cose che hanno, purtroppo, allontanato tante persone dalla politica. Al candidato Mangialardi chiediamo di aprire una fase nuova rispetto a politiche e scelte che hanno caratterizzato finora il governo della Regione, in particolare gli chiediamo che rispetto alla costruzione dei nuovi ospedali, si utilizzino le risorse messe a disposizione negli ultimi interventi dal governo nazionale, che non siano prese decisioni che in questo momento sarebbero intempestive e impegnative rispetto il project financing per la costruzione dei nuovi ospedali, strumento sul quale esprimiamo fortissime perplessità.

Noi lo sosterremo su questi presupposti  con il nostro modo di fare  campagna elettorale, basato sul rapporto con le persone e sui contenuti dell’azione amministrativa. Noi non abbiamo risorse economiche ingenti né sponsor danarosi, quindi ci affideremo all’autofinanziamento, a mezzi comunicativi sobri, ma soprattutto parleremo con le persone, le ascolteremo e a loro sottoporremo le nostre proposte programmatiche. Ci impegneremo con tutte le nostre forze e volontà a innovare la politica e a pretendere che chi governa faccia altrettanto. Siamo convinti che una nostra affermazione sarà di grande sostegno al governo Conte nel suo impegnativo lavoro volto a far uscire il Paese dalla crisi e a cambiarlo”.

 

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X