facebook twitter rss

Dai banchi di scuola alla tavola,
salto di 30 anni per la 5C
dell’Itc Carducci tra amarcord e amicizie

FERMO - I 'ragazzi' della 5 C dell'Itc Carducci, di Fermo, diploma del 1990, nel week end appena trascorso si sono ritrovati a tavola dopo ben 30 anni. Insomma dopo tre decenni si è passati dai banchi al banchetto per rinnovati legami di amicizia e simpatia
Print Friendly, PDF & Email

Molte volte i banchi di scuola creano quei legami, sì magari anche amicizie, magici che diventano indissolubili, che non accusano mai il colpo degli anni, che vanno avanti per sempre. Alchimie scolastiche, tra ricordi, amarcord, aneddoti che a ricordarli l’emozione, mista a delle lacrimucce per i più sensibili, scatta quasi in automatico. E così è stato per i ‘ragazzi’ della 5 C dell’Itc Carducci, di Fermo, diploma del 1990, che nel week end appena trascorso si sono ritrovati a tavola dopo ben 30 anni. Insomma dopo tre decenni si è passati dai banchi al banchetto.

“Il tempo non ha intaccato l’antica amicizia coltivata sui banchi di scuola e, tra abbracci, se così si possono definire in tempo di Covid19, chiacchiere, ricordi e risate, gli ex compagni di classe hanno festeggiato la simpatica rimpatriata rispondendo in massa alla “chiamata” dell’ex alunna organizzatrice Ilaria Verdecchia. A rinverdire la memoria di quegli anni di spensieratezza e formazione hanno partecipato Paolo Bracalente, Nadia Fabiani, Marco Garbati, Anna Maria Grifi, Simone Leti, Massimo Macciocca, Andrea Morroni, Marco Onori, Gloria Piattoni, Paola Raccichini, Roberto Rogani, Michela Santarelli, Ilaria Verdecchia ed Elisabetta Zamponi. Ritrovarsi è stata la conferma che la giovinezza non è una questione anagrafica, non è qualche ruga in più a scalfire l’entusiasmo, la curiosità l’ironia di chi già 30 anni fa sui banchi di scuola aveva dimostrato di saper prendere la vita con leggerezza pur con la capacità di cogliere opportunità e perseguire obiettivi. Ai saluti finali gli ex compagni di scuola si sono ripromessi di rivedersi quanto prima. Ad maiora”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X