facebook twitter rss

Videosorveglianza hi-tech, tutto pronto:
dalla lettura delle targhe alle indagini
E parte anche ‘Scuole Sicure’

FERMO - Il prefetto Filippi: "Questo progetto di videosorveglianza sarà attuato attraverso la Banca Dati Interforze e il dipartimento di pubblica sicurezza ed in particolare sarà collegato con il nostro Cen (centro elettronico nazionale) ubicato a Napoli. Questo progetto è innovativo e Fermo sarà tra le primissime realtà provinciali che lo approverà"
Print Friendly, PDF & Email

 

di Leonardo Nevischi (foto Simone Corazza)

Nel pomeriggio odierno, si è svolta la riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Vincenza Filippi con il nuovo Questore Rosa Romano, il colonnello Antonio Marinucci, comandante provinciale dell’Arma, il colonnello Antonio Regina, comandante provinciale della Finanza, il dirigente della Polstrada di Fermo, Ernesto Bamonti e il viceprefetto Francesco Martino, avente ad oggetto il tema della sicurezza in ambito provinciale.

Oggi è stata un’occasione particolarmente lieta  – ha esordito il Prefetto Filippi – perché abbiamo potuto esaminare uno schema di protocollo già a suo tempo redatto e studiato con il comune di Fermo, con la Questura e con il Comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri, con l’ausilio anche della Guardia di Finanza (anche se non sarà coinvolta in questo progetto), per un sistema di videosorveglianza relativo alla lettura delle targhe, che darà un ulteriore contributo in tema di prevenzione e di contrasto alla criminalità, finalizzato alla salvaguardia della sicurezza pubblica del territorio. Questo progetto di videosorveglianza sarà attuato attraverso la Banca Dati Interforze e il dipartimento di pubblica sicurezza ed in particolare sarà collegato con il nostro Cen (centro elettronico nazionale) ubicato a Napoli. Questo progetto è innovativo e Fermo sarà tra le primissime realtà provinciali che lo approverà e che ha avuto l’ok da parte del dipartimento della pubblica sicurezza e del ministero dell’Interno. Siamo felici di ciò e nella circostanza lo abbiamo esaminato con gli esponenti provinciali delle forze di Polizia. La firma del protocollo – seguita la Filippi – avverrà solo all’indomani della fine delle elezioni che vedono coinvolto il comune capoluogo di provincia. Inoltre abbiamo esaminato altri temi che hanno riguardato la tappa della Tirreno Adriatica e quella del giro d’Italia, la quale vedrà il comune di Porto Sant’Elpidio protagonista. Infine si è esaminata la proposta redatta dal comune di Fermo, che è stato beneficiario da parte del ministero dell’Interno di un contributo per 32 mila euro per il progetto ‘Scuole sicure’. È un progetto che abbiamo attenzionato già da tempo e che ha fatto sì che il comune di Fermo si sia classificato tra i primi 5 a livello nazionale, ricevendo appunto questo finanziamento. Il comune ha presentato la propria proposta d’impiego di queste somme che vedono un’implementazione, con l’assunzione di due vigili a tempo determinato, per garantire un controllo nelle scuole per la lotta e lo spaccio delle sostanze stupefacenti. A tal proposito avremo un importante aiuto anche dalla Guardia di Finanza che è la forza deputata a questa specifica finalità, anche con l’ausilio dei cani antidroga”.

A seguire il nuovo Questore Rosa Romano, che ha ricevuto il benvenuto anche dai colonnelli Antonio Marinucci e Antonio Regina: “Ho avuto modo oggi di constatare quanto è stato rappresentato dal progetto relativo al protocollo d’intesa che sarà firmato nei prossimi giorni per quanto riguarda il sistema di videosorveglianza. Le telecamere di videosorveglianza saranno collegate con la sala operativa e questo è un valore aggiunto rispetto ai servizi di controllo del territorio che noi svolgiamo quotidianamente, perché ci consentirà di osservare non solo targhe e transiti, per il controllo di veicoli smarriti, ma anche ai fini della polizia giudiziaria. Oggi – chiosa il Questore Romano – sono otto giorni dal mio insediamento e sono già stata personalmente in alcune zone che già da tempo sono attenzionate, come Lido Tre Archi, e con le altre forze di polizia presenti sul territorio abbiamo incrementato ed intensificato i servizi di controllo, affinché vengono scrupolosamente osservate tutte le disposizioni”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X