facebook twitter rss

Dalle truffe alle diffamazioni online,
Droga, ‘domiciliari’ e maltrattamenti:
tre arresti e undici denunce

FERMANO - In campo i carabinieri delle stazioni di Porto Sant'Elpidio, Montegranaro, Sant'Elpidio a Mare e Porto San Giorgio
Print Friendly, PDF & Email


Rafforzati i controlli sul territorio dai carabinieri della compagnia di Fermo: tre persone arrestate ed undici denunciate per vari reati. e’ quanto fanno sapere dall’Arma di fermo nel giorno in cui si è insediato e presentato ufficialmente ai taccuini il nuovo comandante della compagnia di Fermo, il tenente colonnello Nicola Gismondi

“I carabinieri della compagnia di Fermo, in questi ultimi giorni, a conclusione di attività investigativa svolta sia d’iniziativa che su attivazione di denunce presentate da privati cittadini, hanno arrestato tre persone e ne hanno deferite altre undici in stato di libertà. A Porto Sant’Elpidio i militari della locale stazione hanno arrestato due persone, un italiano che, pur essendo agli arresti domiciliari per reati in materia di stupefacenti, più volte era risultato assente in casa in occasione dei controlli. L’autorità giudiziaria, su richiesta dei carabinieri di Porto Sant’Elpidio, ha aggravato la misura revocando gli arresti domiciliari e disponendo la custodia in carcere. Analogo provvedimento è stato adottato nei confronti di un tunisino che, pur sottoposto ai domiciliari per omicidio, ha violato gli obblighi. Entrambi gli arrestati sono stati associati alla casa di reclusione di Fermo. Sono state denunciate due persone per diffamazione a mezzo social e vilipendio alla Repubblica e alle forze armate, in quanto attraverso il social network Facebook, in merito ad alcuni controlli su chalet di Porto Sant’Elpidio dai militari dell’Arma e dell’ispettorato del lavoro di Ascoli Piceno, hanno diffamato, con frasi, appunto, diffamatorie ed offensive pubblicate sul loro profilo Facebook, l’onore ed il decoro della Repubblica e delle forze armate. Una persona è stata poi denunciata per inosservanza ai provvedimenti dell’autorità giudiziaria, atteso che pur sottoposta alla permanenza notturna in casa, non è stata trovata sul posto durante i controlli. Un’altra persona di origini rumene è stata denunciata per violazione di domicilio, dato che e’ stata rintracciata nel giardino di un’abitazione privata di Porto Sant’Elpidio a fotografare l’abitazione. Due persone, italiane, sono state denunciate per una truffa realizzata attraverso un sito internet, dal momento che con artifici e raggiri, avevano messo in vendita apparecchiatura fotografica di pregio, facendosi accreditare da un ignaro cliente la somma di 7mila euro, senza mai consegnare l’attrezzatura posta in vendita. Infine é stata segnalata alla prefettura di Fermo, per uso personale di sostanza stupefacente, un giovane italiano trovato in possesso di due grammi di hashish, nel corso di un controllo alla circolazione stradale”.
“A Montegranaro i militari della locale stazione hanno arrestato un marocchino poiché condannato in via definitiva per il reato di spaccio di sostanza stupefacente e false generalità. Un secondo extracomunitario, anche lui marocchino, è stato segnalato alla prefettura di Fermo per uso personale di sostanza stupefacente, visto che durante il controllo alla circolazione stradale, e’ stato trovato in possesso di mezzo grammo di hashish;
A Porto San Giorgio i militari della locale stazione, a conclusione di un’attività investigativa avviata a seguito di una rapina subita da un cittadino piemontese, in vacanza proprio a Porto San Giorgio, sono riusciti ad identificare l’autore del reato. Si tratta di un giovane rumeno, attualmente detenuto per analoghi reati, deferito all’autorità giudiziaria anche per la rapina. Infine, durante i normali controlli ad esercizi pubblici, i carabinieri hanno sequestrato una banconota di 20 euro risultata falsa, utilizzata da un rumeno per effettuare una ricarica telefonica. L’uomo è stato denunciato per spendita e introduzione nello stato di monete falsificate. A Sant’Elpidio a Mare i militari della locale stazione hanno denunciato per maltrattamenti in famiglia e lesioni un uomo di origini asiatiche che sottoponeva la moglie a reiterati comportamenti aggressivi e minacciosi, anche picchiandola e procurandole lesioni alle braccia”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X