facebook twitter rss

Lavori pubblici, tesoretto da 700mila euro
Ciabattoni (Pd): “No ad interventi isolati”

PORTO SAN GIORGIO - "Non disperdere le risorse. Puntiamo ad una progettualità di ampio respiro anche nell'ottica di un rilancio turistico". Così la consigliera comunale del Pd, Catia Ciabattoni, intervenendo sulla destinazione di 700mila euro per la riqualificazione di alcune aree della città. Confronto aperto in maggioranza.
Print Friendly, PDF & Email

Caitia Ciabattoni

di Sandro Renzi

C’è un tesoretto da 700mila euro che l’Amministrazione Loira intende investire da qui ai prossimi mesi. La destinazione è chiara, almeno nelle sue linee generali. “Soldi per rendere più vivibile ed accogliente la città” avevo promesso il sindaco illustrando a giugno la manovra messa in piedi per contrastare gli effetti della pandemia. Cosa farne in concreto, ovvero quali progetti finanziare e dove indirizzare le risorse, è da decidere. Il neoassessore ai lavori pubblici, Andrea Di Virgilio, si trova così a dover gestire un gruzzoletto su cui la maggioranza di centrosinistra vorrà dire la sua, offrendo un contributo in termini di idee e proposte. La consigliera comunale del Pd, Catia Ciabattoni, fissa dei paletti. “Si tratta di una somma importante che merita una discussione approfondita in maggioranza -spiega- per evitare di disperdere le risorse in un rivolo di piccoli interventi che di fatto non cambieranno il volto della città e non contribuiranno a migliorare l’accoglienza”. L’ex assessora, dal canto suo, le idee chiare ce le ha già. 

“Puntiamo su un progetto, un’area e lì concentriamoci -l’appello della Ciabattoni- potrebbe trattarsi della riqualificazione di piazza Mentana o delle aree intorno a Castel San Giorgio, mura medievale comprese, o ancora di un restyling di via Roma. Magari qualcuno proporrà l’area vicina al porto. L’importante è che sia una progettualità di ampio respiro intorno alla quale si costruisca una visione della città che parta dall’accoglienza turistica”. No, quindi, ad un progetto isolato, sì ad un intervento organico che, puntando al cuore o al salotto buono della città, porti ad incrementare ad esempio le isole pesonali. “L’attività di promozione spetta ad altri enti -prosegue la Ciabattoni- noi pensiamo a fare accoglienza di qualità, che vuol dire anche attenzione per l’arredo urbano”. E questo perchè la consigiera dem ritiene che vi siano zone della città  che sono “vere e proprie vetrine, cartoline che necessitano di interventi”. Accenna così pure ad un nuovo piano dell’illuminazione per Rocca Tiepolo e più in generale per quelle aree storiche ed artistiche che possono fare da traino per il turismo. “Adesso è il momento di cominciare a fare interventi strutturali per Porto San Giorgio” il monito della Ciabattoni.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X