facebook twitter rss

“Ecco l’ennesimo progetto
di Morese dopo naufragi e retromarce”,
Clementi e Coman (Pd) al vetriolo

PORTO SAN GIORGIO - Dopo le dichiarazioni di questa mattina del coordinatore comunale FdI, non si fa attendere la replica del capogruppo e della segretaria dem: "Noi politicamente più maturi, seri e coerenti"
Print Friendly, PDF & Email

“Come prevedibile, gli esiti delle elezioni regionali hanno caricato di aspettative gli esponenti locali, in particolare il coordinatore FdI Morese, che si fa portavoce dei cittadini sangiorgesi ed annuncia un nuovo progetto. Un altro. L’ennesimo progetto che vede protagonista sempre lo stesso soggetto e che cambia ad ogni tornata elettorale. Ricordiamo con piacere quando diede vita al progetto ‘Rinnovamento Cittadino’ sfidando Loira al suon di ‘L’assalto a Loira nasce senza Agostini e Forza Italia’ insieme al consigliere Marinangeli. Progetto subito archiviato con una retromarcia da brivido: Marinangeli corse da solo e Morese proprio insieme ad Agostini e Forza Italia”. Inizia così la pungente replica del capogruppo Pd, Giacomo Clementi, e della segretaria dem Marcela Coma, al coordinatore comunale del partito della Meloni, Emanuele Morese che, questa mattina, sull’onda del successo elettorale alle regionali del suo Partito, ha suonato la carica anche su Porto San Giorgio.

“Ricordiamo anche quando, all’indomani della sonora sconfitta del 2017, Morese rassegnò le dimissioni da coordinatore FdI per lanciare un altro progetto civico in grado di unire tutte le forze politiche dell’opposizione. Anche questo ‘naufrag’ nel giro di pochi mesi con il ritorno silenzioso in FdI. Ed oggi assistiamo all’ennesimo lancio, sempre con il solito obiettivo di unire l’opposizione che, a questo punto, sembrerebbe stare insieme solo all’apparenza e per la necessità di avere qualche speranza di vittoria.  Eppure, tutti quelli che si dicono pronti a ‘scrivere una storia nuova per Porto San Giorgio’ sono già stati candidati più e più volte, con esiti fallimentari. Sarà perché nelle consultazioni comunali non sono i simboli a fare la differenza?  Se vogliamo essere proprio pignoli ricordiamo che a Porto San Giorgio il maggior numero di preferenze le ha conquistate Marco Marinangeli (Lega con 576 voti) mentre secondo è arrivato Saturnino Di Ruscio approdato in Fratelli D’Italia qualche mese fa, uomo forte della politica fermana e non di sicuro sangiorgese (447 preferenze).
Riguardo all’immobilismo dell’amministrazione Loira citato da Morese, vale la pena ricordare che proprio in questa settimana si è sbloccata, dopo 15 anni, la questione riguardante la rotatoria sulla statale fermana. Si aggiunge ad altre situazioni che erano ferme da decenni e che questa amministrazione con pazienza e competenza ha saputo togliere dal pantano, come ad esempio Viale Cavallotti, piazza Bambinopoli, il ponte sull’Ete, piano regolatore del Porto e tante altre.
Il Pd sarà anche uscito sconfitto dalla tornata elettorale, pur mantenendosi in linea con i risultati comunali del 2017 ed in crescita rispetto alle elezioni europee del 2019, ma sicuramente ha sempre dimostrato una maggiore maturità, serietà e coerenza politiche, e rispetto nei confronti dei cittadini sangiorgesi. Attendiamo dunque con pazienza la nascita di questo ennesimo nuovo progetto che vede come protagonisti gli esponenti dell’opposizione che da oltre 15 anni siedono sugli scranni del Consiglio comunale, fiduciosi di poter dialogare con chi ‘ha a cuore’ le sorti di Porto San Giorgio”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X