facebook twitter rss

La lente d’ingrandimento dei carabinieri
sull’entroterra: identificate 100 persone,
sanzioni fermo di un’auto

MONTEGIORGIO - Lunedì sera i militari dell'Arma della compagnia di Montegiorgio, in gran numero, hanno effettuato pattugliamenti e controlli a Rapagnano, Servigliano, Magliano di Tenna, Montegiorgio, Belmonte Piceno e Falerone
Print Friendly, PDF & Email

La sera del 28 settembre 2020, i carabinieri della Compagnia di Montegiorgio hanno attuato un controllo straordinario del territorio, ad alta visibilità, focalizzando l’attenzione lungo la SS 210 Faleriense, nel tratto che va da Piane di Rapagnano località Archetti a Servigliano, estendendo i controlli anche alle aree collinari interne dei Comuni di Rapagnano, Magliano di Tenna, Montegiorgio, Belmonte Piceno, Falerone e Servigliano.

“Il servizio – i dettagli forniti dalla compagnia di Montegiorgio guidata dal capitano Massimo Canale – ha avuto come obiettivo la prevenzione dei reati predatori, la tutela e sicurezza dei cittadini, ma anche la verifica del rispetto delle disposizioni volte a contenere il fenomeno epidemico del Covid-19 e il divieto di assembramento. Più pattuglie dei carabinieri hanno perlustrato il territorio eseguendo controlli alla circolazione stradale e agli esercizi pubblici, identificando nel corso dei servizi più di 100 persone e oltre 50 mezzi. Sono state elevate sanzioni al codice della strada ed è stato eseguito un fermo amministrativo di un’autovettura, sulla quale esisteva un gravame per tassa di possesso non oblata.

Il capitano Massimo Canale, comandante della compagnia di Montegiorgio

Prosegue l’attenzione dell’Arma al fenomeno dei reati predatori che, seppur statisticamente risultano in calo, rappresentano quelli che condizionano negativamente il livello di sicurezza percepita. L’invito dei Carabinieri ai cittadini è quello di segnalare tempestivamente alle forze dell’ordine – concludono dalla compagnia dell’Arma – ogni movimento sospetto di persone o autovetture notate sul territorio. Massima attenzione dei militari anche al rispetto delle regole sul distanziamento interpersonale e sull’uso della mascherina, regole basilari fondamentali che unite a quella dell’igienizzazione delle mani rappresentano le modalità più efficaci per frenare la diffusione del virus”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X