facebook twitter rss

Ciip, passi in avanti per il
progetto ”Anello dei Sibillini”

FERMO - L’accordo ha riflessi su 135 Comuni ed 1 milione di abitanti, coinvolgendo ben tre province delle Marche, ovvero Ascoli Piceno, Fermo e Macerata. L’obiettivo è realizzare una infrastruttura idrica, finanziata con 235 milioni di euro, volta alla risoluzione di criticità nell’area interessata da frequenti fenomeni sismici
Print Friendly, PDF & Email

 

Nel recente tavolo tecnico convocato nella sede di Fermo della Ciip spa, quale soggetto capofila attuatore, al quale hanno preso parte gli enti ed i gestori interessati dall’intervento (Tennacola spa, Astea spa, Acquambiente Marche, AAto 3, AAto 4, AAto 5, Apm spa), sono stati illustrati lo stato di avanzamento delle attività tecnico amministrative in atto, ed in particolare, i dettagli del bando per l’affidamento dei servizi di ingegneria per i quali sono stati stanziati circa 6 milioni di euro.

L’accordo, come è noto, ha riflessi su 135 Comuni ed 1 milione di abitanti, coinvolgendo ben tre Province delle Marche, ovvero Ascoli Piceno, Fermo e Macerata. L’obiettivo del progetto è quello di realizzare una infrastruttura idrica, finanziata con 235 milioni di euro, volta alla risoluzione di criticità nell’area interessata da frequenti fenomeni sismici.

“Stiamo portando avanti il lavoro consapevoli che, nonostante la complessità dell’iter, si debba arrivare in tempi ragionevoli alla definizione progettuale prima e operativa poi dell’opera “commenta il presidente della Ciip Spa, Giacinto Alati a nome dei rappresentanti degli altri gestori.

Ente attuatore è la Ciip spa che ha ottenuto il finanziamento in forza della Legge n.205 del 2017 “Piano degli interventi nel settore idrico”. A regime “l’Anello dei Sibillini” rappresenterà un efficace sistema di mutuo soccorso tra le comunità interessate. La progettazione intende di fatto realizzare un sistema idrico ausiliario che si concretizzerà in due fasi: il reperimento di nuove fonti idriche di approvvigionamento e l’interconnessione dei diversi sistemi di adduzione del Pescara, dei Sibillini, del Tennacola e del Nera.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X