facebook twitter rss

Approvato l’emendamento che introduce
l’iper-bonus nelle aree sisma,
Confindustria rilancia anche sugli immobili produttivi

INDUSTRIA - Il presidente Mariani: "Siamo molto contenti dell'importante novità introdotta dalla Commissione Bilancio. Continuiamo con assoluto impegno anche la battaglia per estendere il beneficio della decontribuzione Mezzogiorno alle aree di crisi industriale complessa del Centro Nord Italia, Piceno e Fermano compresi"
Print Friendly, PDF & Email

Da dx Simone Mariani e Massimo Ubaldi

Confindustria Centro Adriatico esprime “grande soddisfazione per l’approvazione, nella notte tra venerdì e sabato, di un emendamento da parte della Commissione Bilancio del Senato che, in sede di conversione in Legge del cosiddetto DL ‘Agosto’, ha potenziato le agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica ‘Ecobonus’ e per la messa in sicurezza sismica ‘Sismabonus’ degli edifici nei territori colpiti dal sisma del 2016 e del 2017”. Così Confindustria Centro Adriatico in una nota stampa.

“In particolare, la nuova norma (art. 57 bis) prevede l’innalzamento dal 110 al 160 della percentuale di detrazione fiscale, per le spese sostenute dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2021, prevista dall’art. 119 del Decreto Legge n. 34/2020, cosiddetto DL ‘Rilancio’, che, come è noto, ha anche rafforzato la fruizione dei benefici attraverso gli strumenti della cessione del credito e dello sconto in fattura.

Secondo l’emendamento, che dovrà essere approvato dall’Aula del Senato, l”iper – bonus al 160% è previsto, in alternativa al contributo per la ricostruzione, per tutte le spese necessarie al ripristino dei fabbricati danneggiati, comprese le case diverse dalla prima abitazione.

“Siamo molto contenti – afferma il presidente di Confindustria Centro Adriatico, Simone Mariani – dell’importante novità introdotta dalla Commissione Bilancio che siamo certi potrà imprimere un cambio di passo decisivo alla ricostruzione e contribuire allo stesso tempo al rilancio economico e sociale dei nostri territori”.

“Un’agevolazione dirompente che abbiamo fortemente sollecitato e che va nella direzione da noi più volte auspicata perché l’attuale situazione di stallo della nostra economia richiede, con urgenza, misure straordinarie e concrete. Ecco perché continuiamo con assoluto impegno anche la battaglia per estendere il beneficio della decontribuzione Mezzogiorno alle aree di crisi industriale complessa del Centro Nord Italia, Piceno e Fermano compresi”.

“Valutiamo in maniera estremamente positiva la nuova norma introdotta. Ora il nostro auspicio – afferma Massimo Ubaldi, Presidente di Ance Ascoli Piceno – è che si possa estendere l’ iper – bonus del 160% anche agli immobili destinati alle attività produttive e più in generale a tutte le partite Iva. Non solo. E’ indispensabile prorogare l’agevolazione almeno fino al 31 dicembre 2027, incrementare il limite massimo di spesa ammissibile per ciascuno degli interventi agevolati ed infine eliminare il massimale di due unità immobiliari per le quali è possibile accedere all’incentivo. Per quanto riguarda la ricostruzione, dobbiamo evitare gli accolli di spesa aggiuntiva per il completamento delle abitazioni per i soggetti privati danneggiati dal sisma”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X