facebook twitter rss

Giovani Democratici in piazza
contro omotransfobia e misoginia

FERMANO - Sabato 17 ottobre la federazione provinciale dei giovani Dem ad Ancona per sostenere una legge efficace sul tema. "Aderiamo alla manifestazione in favore del Ddl Zan, al fianco delle associazioni e di chi intraprenderà questa battaglia di civiltà", commenta il segretario Piermartiri
Print Friendly, PDF & Email

 

“Sabato 17 ottobre la Federazione Fermana dei Giovani Democratici scenderà in piazza ad Ancona per chiedere una legge efficace contro l’omotransfobia e la misoginia.

Aderiamo quindi alla manifestazione a sostegno del Ddl Zan, al fianco delle associazioni e di chi intraprenderà questa battaglia di civiltà”.

Inizia così la nota del coordinatore provinciale dei Giovani Democratici, Luca Piermartiri, che sostenuto dalla relativa segreteria dem prosegue.

“In questi giorni il Parlamento è impegnato nella discussione della proposta di legge e ci auguriamo che l’iter possa portare ad un risultato soddisfacente poiché è ora che l’Italia metta mano, ed in modo concreto, ad un fenomeno che da troppo tempo è alla ribalta della cronaca nazionale. È necessario iniziare a contrastare in maniera concreta la violenza e le discriminazioni verso le persone Lgbt e contro le donne, tutelando le vittime con risorse adeguate e politiche efficaci. Non si può più girare la testa dall’altra parte”.

“Violenze e discriminazioni sono purtroppo una realtà quotidiana: l’ultima ricerca dell’Agenzia Europea dei Diritti Fondamentali evidenzia che il 62% evita di prendere per mano la persona amata; il 30% non frequenta alcuni luoghi per paura di subire aggressioni; il 23% dichiara di aver subito discriminazioni sul lavoro; il 32% di aver subito almeno un episodio di molestia nell’ultimo anno e l’8% un episodio di aggressione fisica negli ultimi 5 anni. Solo 1 persona su 6 denuncia. È diritto di tutti poter vivere e amare liberi dalla paura. Nel territorio ci siamo sempre battuti per i diritti civili, esattamente come facemmo per la legge Cirinnà. Tali maltrattati possono avvenire anche tra giovani e, addirittura, a scuola. È sicuramente un tema vicino alla nostra generazione, noi saremo al fianco di chi in questo momento è più debole”, ha concluso Piermartiri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X