facebook twitter rss

Videx, buona la prima:
Modica cede al tie break

SERIE A3 - La compagine di coach Ortenzi, all'interno del palace domestico, conquista i primi tre punti di stagione avendo la meglio sulla Avimecc per 3-2. Gli umori di coach Ortenzi nel dopo gara
Print Friendly, PDF & Email

GROTTAZZOLINA – Buona la prima per i ragazzi di coach Ortenzi che conquistano i primi due punti del campionato dopo cinque set di battaglia vera (38-36; 22-25; 25-20; 23-25; 15-13).

Grottesi in campo con la diagonale Marchiani-Calarco, Romagnoli e Cubito al centro, Vecchi e Starace in attacco con Romiti libero.

Gli ospiti rispondono con Tulone-Martinez, Raso e Garofolo centrali, Chillemi in coppia con Busch e Nastasi come settimo uomo.

IL TABELLINO

VIDEX GROTTAZZOLINA 3: Perini ne, Romagnoli 7, Cubito 8, Vecchi 21, Calarco 10, Pison, Reyes 15, Di Bonaventura ne, Starace 21, Gaspari, Marchiani 4, Romiti L1. All. Ortenzi

AVIMECC MODICA  2: Tulone 4, Raso 8, Battaglia, Martinez 22, Dormiente ne, Cuti, Chillemi 8, Nastasi L1, Busch 20, Imbesi 3, Garofolo 15. All. Bua

ARBITRI: Di Bari, De Simeis

PARZIALI: 38-36 (41’); 22-25 (27’); 25-20 (24’); 23-25 (27’); 15-13

LA CRONACA

Inizio gara di marca ospite che sfrutta qualche imprecisione di troppo della Videx (1-5). Martinez mantiene le distanze (6-9). Starace tiene i suoi attaccati al set e dopo il doppio ace di capitan Vecchi trova finalmente il punto che vale l’aggancio (17 pari), costringendo coach Bua al primo time-out della sfida. Busch fa e disfà, riacciuffando il pari sul 23-23. Martinez risponde a Vecchi (24 pari) ed inizia una serie interminabile di botta e risposta che spinge il parziale fino al 36 pari. Starace prima e Cubito poi archiviano il primo set sul 38-36 dopo quarantuno minuti di gioco.

Nel secondo parziale i ragazzi di Ortenzi entrano in campo con maggior convinzione (3-0) ma Martinez trova il pari (4-4). La Videx approfitta di qualche imprecisione degli ospiti per trovare il +4 (11-7). Coach Bua sospende il gioco ed al rientro in campo Modica cambia marcia, infila ben sette punti consecutivi e ribalta totalmente l’inerzia del set con le sferzate di Busch, assistito da Raso e Garofolo (11-14). Reyes apre la serie da tre che riporta i suoi a ridosso degli avversari (15-16) ma coach Ortenzi è costretto al time-out dopo l’ennesimo allungo degli ospiti (16-19). Calarco prova a tenere i suoi attaccati al set (19-22) ma non basta. Dopo aver annullato ben tre palle set, Vecchi fallisce al servizio (22-25) e Modica pareggia i conti.

Il terzo set si apre con Modica ancora avanti (3-6). Coach Ortenzi ferma il gioco e la Videx trova l’aggancio con Marchiani (6 pari). Ospiti imprecisi e i padroni di casa ne approfittano con Starace (12-9). Busch va a un passo dal pari ma Vecchi e compagni ne mettono altri tre e trovano il +4 (19-15). Il margine resta intatto fino alla fase finale di set. Reyes conquista il primo di ben cinque setball (24-19). Cuti sbaglia dai nove metri e la Videx torna avanti (25-20).

Maggior equilibrio nel quarto parziale. Martinez e Garofolo, da una parte, Vecchi e Starace, dall’altra, si alternano nel tabellino (9 pari). Raso, due volte, risponde a Vecchi e Reyes (14-14). Botta e risposta continuo fino al 19 pari quando gli ospiti costruiscono il +2 che si protrarrà sino al termine del parziale. Vecchi e Starace provano a più riprese, senza successo, a trovare l’aggancio. E’ Simone Garofolo, dopo il time-out chiamato da coach Bua, a chiudere il set sul 23-25 rinviando l’epilogo della sfida al golden set.

Modica parte bene con Garofolo e Chillemi (4-5). La Videx trova momentaneamente il sorpasso ma Martinez (top scorer del match con 22 segnature) ribalta il punteggio con l’ausilio di Busch che fa 8-10. Cubito porta i suoi a ridosso degli avversari ma Garofolo mantiene le distanze (10-12). E’ solo un’illusione perché Reyes trova l’ace che vale l’aggancio mentre Vecchi, dopo l’errore di Chillemi, esce vincitore da una contesa sotto rete decretando la conclusione della sfida che porta i primi due punti del campionato: 13-15 e palas in festa.

LE DICHIARAZIONI

“Abbiamo portato a casa una partita difficile, nella quale abbiamo fatto molta fatica – ha commentato coach Massimiliano Ortenzi al termine della gara -. Siamo contenti per il risultato ma consapevoli che la strada è ancora molto lunga. Questa è una squadra molto giovane perciò dobbiamo abituarci a giocare in maniera diversa. Dobbiamo essere più pazienti, meno impulsivi, e capire che in alcuni momenti della partita è sufficiente fare altro. Questo è davvero il punto dove possiamo e dobbiamo crescere molto perché le potenzialità fisiche e tecniche dei ragazzi sono indubbie”.

Un esordio particolare in un’atmosfera di pubblico inevitabilmente diversa rispetto a quella pre-emergenza: “Giocare in un contesto ambientale così ridimensionato sarà una grossa difficoltà – ha proseguito il coach – purtroppo non possiamo farci nulla, dobbiamo anzi ritenerci fortunati nel poter giocare e fare il nostro lavoro. Da ciò bisogna trarre ulteriori motivazioni per poter crescere anche sotto questo punto di vista”.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti