facebook twitter rss

Riemergono sulla battigia
parti di un ‘pennello’ sperimentale:
programmata la rimozione

PORTO SANT'ELPIDIO - Il sindaco Franchellucci: "Già mercoledì mattina provvederemo alla rimozione dei materiali meno pesanti per poi terminare l’intervento mediante l’affido delle opere di sgombro ad una ditta specializzata"
Print Friendly, PDF & Email

Sulla spiaggia riemergono dei frammenti di un pennello sperimentale degli anni ’50: al via le operazioni di rimozione da parte del Comune.

“A seguito delle mareggiate degli ultimi tempi sono emersi sulla spiaggia della concessione Kyte surf dei blocchi di cemento, marmi e travertini probabilmente riconducibili a dei residui di un pennello sperimentale realizzato negli anni ‘50/’60 per la difesa della costa. Tali resti sono stati per anni ricoperti dalla spiaggia e col tempo e la continua erosione costiera sono riemersi”. E’ quanto fanno sapere dal comune di Porto Sant’Elpidio.

L’ associazione kyte surf di Porto Sant’Elpidio ha segnalato il fatto all’ufficio tecnico comunale e  stamattina l’assessore all’ambiente Daniele Stacchietti, il personale dell’Ufficio Ambiente e la Polizia Municipale, hanno svolto il sopralluogo presso la spiaggia della concessione Kyte Surf al fine di verificare lo stato dei luoghi e capire le azioni più opportune da intraprendersi.

“La prima cosa e più importante da chiarire – spiega l’assessore Stacchietti – è che non vi sono pericoli di carattere ambientale e di salute; infatti non ci sono elementi inquinanti bensì residui di materiale ferroso, pietre tra cui marmi e travertini e qualche blocco di cemento.”

“Già mercoledì mattina – conclude il sindaco Nazareno Franchellucci – provvederemo alla rimozione dei materiali meno pesanti per poi terminare l’intervento mediante l’affido delle opere di sgombro ad una ditta specializzata”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti