facebook twitter rss

Sos incendio al porto
ma è solo un’esercitazione

PORTO SAN GIORGIO - I militari della Guardia Costiera hanno coordinato l’intervento operativo del personale dipendente dal Marina. A supporto anche una squadra della protezione civile che ha garantito il controllo della viabilità in zona e una ambulanza della Croce Azzurra di Porto San Giorgio
Print Friendly, PDF & Email


​ Sos al porto per un incendio? Sì ma nessuna paura: è solo un’esercitazione. Si è svolta, infatti, questa mattina nel porto turistico di Porto San Giorgio una esercitazione antincendio finalizzata a monitorare le procedure nonché i tempi di intervento del personale chiamato, ognuno per il proprio ambito di competenza, ad intervenire in caso di evento reale, acquisendo, al contempo, esperienza e dimestichezza per il coordinamento di uomini e mezzi in caso di incidenti, che si spera non accadano mai.
In particolare è stato simulato l’incendio di una unità da diporto ormeggiata al molo “L” del porto turistico con un ‘ferito’ a bordo.

“L’amministratore del porto alle ore 10.50 ha lanciato l’ allarme interessando l’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto San Giorgio – fanno sapere proprio dal Circomare guidato dal comandante Simona gentile – che ha subito disposto le conseguenti attività di intervento.
I militari della Guardia Costiera intervenuti sul posto hanno coordinato l’intervento operativo del personale dipendente dal Marina di Porto San Giorgio, chiamati ad intervenire sul luogo dell’incidente, mediante i dispositivi antincendio fissi e mobili in dotazione. A supporto delle attività è intervenuta anche una squadra della protezione civile che ha garantito il controllo della viabilità in zona e una ambulanza della Croce Azzurra di Porto San Giorgio che ha prestato i soccorsi al ‘malcapitato’, recuperandolo dall’imbarcazione e trasferendolo sull’ambulanza”.
L’esercitazione rientra tra le attività periodiche che l’Autorità Marittima ha il compito di programmare semestralmente per testare l’efficienza e le procedure d’intervento previste.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti