facebook twitter rss

Dal Comune contributi
a sostegno della ristorazione

FERMO - Le attività cittadine colpite dai provvedimenti del recente Dpcm, a rinforzare le misure anti Covid, avranno a disposizione un fondo di sostegno stanziato dalla giunta pari a 100mila euro. Avviso e modello di domanda sul portale web istituzionale
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore Torresi ed il sindaco Calcinaro

Un sostegno concreto alle attività di ristorazione della città.

E’ quello attuato dall’amministrazione comunale, approvando l’avviso, pubblicato con il modello di domanda in home page sul sito del Comune di Fermo, relativo all’intervento in favore degli esercizi di ristorazione e pizzeria con servizio al tavolo, danneggiati dai provvedimenti restrittivi adottati sul tutto il territorio nazionale con il Dpcm 24 ottobre 2020 per il contenimento del contagio da Covid 19.

“Come già anticipato, con la giunta di martedì abbiamo stanziato 100 mila euro per dare un segno, sicuramente non decisivo, ma comunque importante per un Comune delle nostre dimensioni, ad una eccellenza della nostra Fermo che oggi si trova in un momento di forte difficoltà: la ristorazione – le parole del sindaco Paolo Calcinaro -. I ristoranti fermani potranno aderire per un sostegno economico diretto. Già siamo intervenuti anche in questi giorni con riduzione Tari o altri sostegni per altri tipi di attività con sgravi complessivamente stimabili per circa 1 milione di euro”.

“Come amministrazione comunale stiamo adottando misure ad hoc che vanno incontro a quelle categorie maggiormente penalizzate dalle recenti disposizioni nazionali – ha detto l’assessore al commercio Mauro Torresi –, per cui abbiamo approvato questo avviso per destinare contributi a queste attività, quale sostegno concreto, quale segno di vicinanza e di mano tesa verso chi, anche in questo settore, registra difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria”.

Possono beneficiare del contributo i soggetti che svolgono in maniera prevalente l’attività di ristorazione (ristoranti e pizzerie) con servizio ai tavoli; aventi sede operativa nel territorio comunale; che abbiano subito la limitazione dell’attività nelle forme stabilite dal Dpcm 24 ottobre 2020; che non ricadano nella categorie di soggetti (alberghi e strutture ricettive) che possono continuare a svolgere attività di servizio ai tavoli seppur limitatamente agli ospiti registrati nella struttura; che svolgono attività continuativa di ristorazione con servizio ai tavoli durante tutto l’arco dell’anno e che svolgevano la medesima attività fino al giorno di entrata in vigore del Dpcm 24 ottobre 2020, con esclusione quindi delle attività stagionali.

I richiedenti possono presentare la domanda, utilizzando il modello, unitamente alla dichiarazione Ires, disponibile sul sito internet del Comune nella sezione “bandi e gare” e nella home page, e trasmessa via pec all’indirizzo protocollo@pec.comune.fermo.it, tramite consegna a mano all’Ufficio Protocollo del Comune di Fermo. Per informazioni: tel. 0734284254; e-mail: fabio.ragonese@comune.fermo.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti